La pianta di cui parleremo oggi appartiene alla famiglia della Trigonella, nome che deriva proprio dalla forma triangolare dei suoi semi: parliamo del fieno greco

In passato, nell'Antico Egitto, esso veniva utilizzato al fine di cibare gli animali; venne poi portato in Europa dai monaci benedettini. Gli uomini hanno, con il tempo, individuato nel fieno greco molti benefici e hanno iniziato ad utilizzarlo diversamente dal suo impiego iniziale. Il fieno greco fiorisce tra maggio e giugno ed i suoi frutti sono dei legumi con al loro interno un seme.   

Quando si può assumere il fieno greco?   

Come dicevamo poco fa, il fieno greco è ricco di elementi ottimi per il benessere del nostro organismo: 

  • contiene molte vitamine (A, B, e C); 
  • fornisce tanti sali minerali come il ferro ed il calcio.    

Il fieno greco ha, inoltre, molte proprietà benefiche:    

  • proprietà antinfiammatorie ed antisettiche perché evita l’ingrossamento delle ghiandole, la formazione di acne, regola le funzioni intestinali e mantiene la pelle in salute; 
  • proprietà emollienti, ovvero nutre i tessuti; proprietà lenitive, ovvero diminuisce il dolore; 
  • proprietà toniche, ovvero mantiene il nostro fisico tonico; 
  • proprietà espettoranti, ovvero elimina il muco; 
  • proprietà ipoglicemiche, ovvero è adatta in caso di patologie come il diabete in quanto il fieno greco, grazie al suo elevato contenuto di lecitina e fibre, riduce i livelli di colesterolo; 
  • proprietà ricostituenti, ovvero rimette in forze il nostro organismo con la stimolazione dell’appetito.   

Altri sono, però, i benefici durante l’assunzione di fieno greco: aiuta la digestione, favorisce la produzione del latte materno durante l’allattamento e diminuisce i fastidi che creano le emorroidi,      


Dove si può trovare il fieno greco? 

I negozi biologici hanno ormai sempre a disposizione prodotti di questo genere, ma anche nelle erboristerie è facilmente reperibile. Se state pensando di assumere anche voi il fieno greco, rivolgetevi al medico che vi segue oppure ad un erborista di fiducia e seguite le esatte indicazioni che vi darà (dosi, tempistiche, ecc.).   


Sotto che forma si trova il fieno greco? 

In genere si utilizza come capsule, decotto, infuso oppure estratto liquido.   

Qualcuno di voi lo utilizza già? Come vi trovate? Raccontateci la vostra esperienza.