Le afte sono piccole ulcere che possono comparire all'interno della cavità orale di persone di ogni età e sesso. Esse sono causate principalmente da transitorie alterazioni della risposta immunitaria a seguito di stress, carenze alimentari, piccoli traumi, squilibri ormonali, ecc.
Le afte si distinguono dall'herpes labiale in quanto quest’ultimo compare prevalentemente all'esterno della bocca con piccole vescicole disposte a grappolo, in particolare sul bordo delle labbra, e provoca solo un lieve prurito. Molto raramente l’herpes labiale può interessare anche gengive e palato duro, ma comunque non è quasi mai doloroso come può invece essere l’afta.
Alcuni rimedi naturali contro le afte
Prima di rivolgersi al farmacista, è bene sapere che i disagi provocati dalle afte possono essere attenuati mediante svariati rimedi naturali che accelerano anche la guarigione. Vediamone alcuni di seguito, tutti facilmente attuabili anche in ambito domestico:

1.   La liquirizia

Masticando la radice di liquirizia si favorisce la scomparsa delle afte, le quali non dovrebbero provocare più il fastidioso dolore oltre il 3° o 4° giorno dalla loro formazione (mediamente durano invece fino a 10-15 giorni). E’ possibile utilizzare la liquirizia anche in forma di caramella o di semplice estratto, l'importante è mantenere in bocca per qualche tempo il prodotto della preziosa essenza.



2.   La vitamina C

La vitamina C rappresenta un toccasana per tantissimi piccoli e grandi problemi di salute. Ricavabile facilmente da molte crucifere (es. broccoli) e da tutti i frutti freschi, tra i più ricchi dei quali non dimentichiamo di citare l’actinidia (kiwi), la rosa canina, agrumi, ecc., la vitamina C esplica anche una funzione preventiva nei confronti delle recidive.

Tuttavia al momento in cui la lesione è già presente nel cavo orale, evitare alimenti acidi in quanto aumentano l'irritazione ritardando i tempi di guarigione. Da evitare anche l'assunzione di zuccheri che i batteri presenti nella bocca prontamente trasformano in acidi, innestando lo stesso meccanismo.



3.    L’Aglio

Per utilizzare l’aglio non è necessario consumarlo come alimento, ma è sufficiente strofinare uno spicchio fresco direttamente sull'afta per pochi secondi. I principi antivirali dell’aglio avranno così modo di esplicare la loro potente azione senza lasciare in bocca i ben noti effetti di questo bulbo comunque apprezzassimo in cucina.  



4.    La propoli

La propoli è un potente disinfettante naturale prodotto dalle api ed ha la capacità di ridurre sensibilmente la durata delle fastidiose afte.



5.   Il sale

Se in casa non abbiamo altro, si può ricorrere al banalissimo sale per condimenti (cloruro di sodio). Disciogli un cucchiaino di sale in un bicchiere d'acqua e sciacqua la bocca. All'inizio provocherà un lieve bruciore, ma le proprietà del sale disinfettano la lesione seccandola e favorendone il processo di guarigione.  


6. Acqua Ossigenata

Eseguire degli sciacqui con il perossido di idrogeno favorisce la guarigione della piccola vescica e la disinfetta a differenza del sale, senza bruciare. Inoltre lenisce momentaneamente il dolore il dolore. In alternativa puoi diluirla con dell'acqua e spennellarla con un bastoncino di cotone, direttamente sulla lesione.

7.  Bicarbonato di sodio

Il bicarbonato è una sostanza alcalina, pertanto è in grado di neutralizzare l'acidità della saliva che ha un forte effetto irritante nei confronti delle afte causando dolore. Tra l'altro sciacquare il cavo orale con una soluzione di 1 cucchiaino di bicarbonato disciolto in mezza tazza d'acqua calda, più volte al giorno per un paio di minuti,  garantisce l'igiene quotidiana della bocca.

L'uso di collutori e dentifrici secondo gli esperti non rappresenta una cura per l'afte, in alcuni soggetti ne favoriscono addirittura la comparsa in quanto generalmente contengono il solfato di sodio, una sostanza schiumogena comunemente utilizzata per realizzarli. Al momento della comparsa dell'afte usate per l'igiene orale dentifrici naturali che contengono una bassa percentuale di solfato di sodio. 


Questi rimedi non richiedono quasi mai l’intervento di farmaci, tuttavia essendo possibile che la loro comparsa delle afte sia legata a carenze vitaminiche, o conseguenti ad alcune patologie, se compaiono frequentemente e non si risolvono in breve tempo, è consigliabile rivolgersi al proprio medico di fiducia.