Il basilico è un pianta utilizzata in tutto il mondo, soprattutto nelle zone del mediterraneo, solitamente si aggiunge alle pietanze per arricchirne il sapore ma non tutti, forse, sanno che mangiare basilico abitualmente migliora la nostra salute , vediamo perché.

Il nome originale della pianta di basilico è ocinum basilicum, ha origine greche e la sua etimologia deriva da un termine che significa re, ciò testimonia l’importanza che questa pianta possiede sin dai tempi dell’antica Grecia.

Si tratta di una pianta facile da riconoscere, le foglie generalmente sono verdi ma esistono delle varietà di basilico con foglie rosse o color porpora, i fiori sono bianchi ma, la caratteristica principale, che distingue questa pianta da tutte le altre è indiscutibilmente il suo profumo aromatico.

Proprietà nutritive

Le foglie di basilico contengono diverse sostanze che fanno benissimo al nostro organismo, sono ricche di potassio, fosforo, ferro, vitamina A e magnesio, per questo aiutano a regolarizzare l’equilibrio idrico del corpo, a solidificare le ossa, ad aumentare le difese immunitarie e favoriscono il ricambio di ossigeno nel sangue.

Benefici del basilico

Sin dai tempi antichi il basilico viene adoperato per curare numerose patologie.

Stimola il lavoro dell’apparato digerente: assumendo l’ olio essenziale di basilico, ottenuto con la lavorazione delle foglie fresche, si agisce sulle mucose gastriche diminuendo tutti i problemi legati a disturbi intestinali e favorendo il processo di digestione.

Dolori reumatici e alle articolazioni: il basilico ha proprietà antinfiammatorie rilasciate da una sostanza che è l' eugenolo, la quale quando viene rilasciata nell'organismo aiuta ad alleviare significativamente dolori ed infiammazioni.

Rilassa il sistema nervoso: mangiare basilico aiuta a rilassare i nervi e coloro che soffrono frequentemente di emicranie e insonnia.

Loading...

Aiuta a prevenire raffreddori e malattie della pelle: l' eugenolo, contenuto nelle foglie di basilico, mantiene la pelle idratata e regola il funzionamento delle mucose, prevenendo alcune malattie della pelle e allontanando il rischio di beccare un bel raffreddore nei mesi invernali.

Stimola la secrezione del latte: durante l’allattamento sarebbe buona regola mangiare basilico o assumerlo sottoforma di olio essenziale oppure infuso, le foglie infatti sono ricche di flavonoidi che stimolano la secrezione lattea.

Come e quando assumerlo

Il basilico può essere assunto sia in purezza sia sottoforma di infusi o olio essenziale, nel primo caso potete mangiarne le foglie unendole magari ad un’insalata mista e utilizzarlo per condire altre pietanze.

L’ infuso invece si realizza mettendo a bagno, in una tazza con acqua calda, delle foglie essiccate di basilico, dopo qualche minuto togliete le foglie, filtrate il liquido e bevetelo.

L’ olio essenziale di basilico ha diversi utilizzi, può essere adoperato per liberare le vie respiratorie poiché ha una funzione espettorante, in questo caso versate 10 gocce di olio in un pentolino di acqua bollente e fate dei suffumigi, oppure se soffrite di problemi intestinali potete massaggiare l’olio sulla zona dolorante, in questo caso dovete l’operazione più volte al giorno.

CONTROINDICAZIONI DEL BASILICO

Esistono particolari controindicazioni per l’assunzione di basilico:

  • NO A DOSI ELEVATE, non eccedere né abusarne: sopratutto quello essicatto può avere effetti tossici se assunto in dosi elevate.
  • CONTROLLO ALLERGOLOGICO  - chi soffre di allergie dovrebbe consultare prima un allergologo
  • NO DOLCE ATTESA - le donne incinta dovrebbero evitarlo
  • MODERAZIONE - Esagerare con l'uso esterno può creare irritazione alle mucose 


Prediligere sempre il consumarlo sempre fresco, o al massimo congelato, rispetto alla versione essiccata, inoltre è sempre buona norma chiedere un parere al proprio medico e fare un controllo allergologico prima di assumere frequentemente infusi di basilico o gocce di olio essenziale.