L' ipertensione è una condizione subdola: si può soffrirne per anni senza sospettarlo! I sintomi, infatti, possono essere del tutto assenti , o manifestarsi con disturbi generici come mal di testa e capogiri. Solo in Italia, si stima che siano ben 15 milioni le persone che soffrono di ipertensione arteriosa! 

Le conseguenze della pressione alta , se trascurata, invece possono essere gravi, e includono danneggiamento delle arterie, dei vasi sanguigni cerebrali, dei reni e degli occhi, e disturbi del metabolismo. Anche la possibilità di subire ictus e infarti aumenta sensibilmente in caso di ipertensione arteriosa, per cui è bene sottolineare l'importanza di seguire scrupolosamente le direttive del proprio medico e del cardiologo  di riferimento. 

Le cause più comuni dell'ipertensione

Innanzitutto specifichiamo che la pressione alta è ereditaria , quindi in caso di precedenti in famiglia è utile rivolgersi al medico per gli accertamenti necessari ad una efficace strategia di prevenzione. 

Altri fattori di rischio comprendono l' età (più si va avanti con gli anni, più la pressione sanguigna tende ad aumentare), l'abuso di alcol e fumo , l'eccessiva assunzione di sodio nella dieta (mangiare troppi cibi contenenti sale), la mancanza di attività fisica e il sovrappeso

Ovviamente, presentare una o più di queste condizioni non significa necessariamente soffrire di pressione alta! Però, sicuramente, è importante avere un occhio di riguardo per la propria circolazione sanguigna , valutando assieme al medico lo stile di vita e gli accorgimenti da adottare per tenere sotto controllo la pressione. 


7 utili regole per contrastare l'ipertensione

Anche se la predisposizione genetica gioca un ruolo importante nell'ipertensione, alcune strategie (che però non devono sostituire le indicazioni mediche!) ci possono aiutare efficacemente a tenerla a bada , contribuendo al nostro benessere generale.

  1. dieta a basso contenuto di sodio : abituiamoci a mangiare poco salato, possibilmente utilizzando sale marino integrale al posto del comune sale da cucina. Attenzione al cibo in scatola e preconfezionato, che contiene eccessive quantità di sodio (le diciture "sodio" o "Na" nelle etichette)
  2. limitare gli insaccati , i cibi fritti e molto grassi 
     
  3. imparare a gestire lo stress : l' adrenalina prodotta dall'organismo in situazioni di stress aumenta la frequenza cardiaca, e di conseguenza la pressione arteriosa. Cercare di mantenere una vita serena aiuta (anche) a ridurre il rischio di soffrire di ipertensione
  4. praticare attività fisica aerobica: camminate, jogging, bicicletta, nuoto... avranno il doppio effetto di abbassare la pressione e contribuire a mantenerci in forma!
  5. consumare farina di avena : è stato scientificamente provato che riduce il colesterolo, combatte la pressione alta e supporta le funzioni cerebrali. L'idea in più? Proviamo a fare il pane e la pizza in casa, utilizzandola farina di avena: eviteremo di assumere troppo sale (questi alimenti solitamente ne contengono molto) e avremo la soddisfazione di mangiare sano! 

  6. effettuare regolari controlli medici : sottoporsi a visite periodiche e valutare di volta in volta la situazione assieme al medico di fiducia è il modo migliore per tenere sotto controllo la pressione alta e prevenire rischi futuri
  7. adottare uno stile di vita sano : non si finirà mai di ripeterlo, lo stile di vita è il fattore che incide di più sulla nostra salute ! Bastano poche semplici abitudini per assicurarci un benessere duraturo. Proviamo a modificare quelle errate intervenendo su una alla volta: iniziamo la giornata con una bella passeggiata, nutriamoci correttamente (spazio a frutta e verdura in abbondanza!) e beviamo almeno 1,5/2 litri di acqua oligominerale al giorno. 

Ricordiamo che avere la pressione alta non vuol dire essere malati: con questi accorgimenti e gli opportuni controlli è possibile condurre una vita soddisfacente e salutare . Gli effetti benefici saranno immediati, e ci permetteranno di vivere sani a lungo. Ne vale decisamente la pena!