In base ad alcune statistiche calcolate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, il Giappone sembra essere il luogo dove le popolazioni sono più longeve. L’aspettativa di vita per ognuno, si aggira in media a 74.5 anni di età e anche se può sembrarci strano, considerando il tipo di alimentazione e le condizioni ambientali, dobbiamo ammettere che i giapponesi qualche segreto da nascondere ce l’hanno.

Ironia a parte, pur non conoscendo a fondo la loro antichissima cultura, sappiamo quanto le popolazioni orientali riescano ad affrontare la vita basandosi su una filosofia che pone al centro dell’esistenza umana il benessere interiore nella stessa misura di quello fisico, che per loro non è altro che una sua diretta conseguenza.

Se mangiare bene, praticare attività fisica e bere molto rappresentano delle regole universali per mantenere sano il nostro organismo, i giapponesi culturalmente fin dai tempi antichi sembrano avere qualche segreto in più per vivere in salute e non ingrassare.

Ecco 6 segreti giapponesi per raggiungere il benessere psicofisico

Mangiare in base ala quantità di calorie di cui mediamente abbiamo bisogno

Se conduciamo una vita sedentaria, o stiamo molte ore seduti davanti ad una scrivania per lavoro, l’energia di cui abbiamo bisogno, e quindi le calorie che dobbiamo introdurre con l’alimentazione, sono sicuramente inferiori rispetto a quelle che dovrà introdurre un individuo che pratica sport, o conduce una vita meno sedentaria.

Al di là di questo, il quantitativo di calorie da introdurre deve essere ripartito in maniera equilibrata nell’arco della giornata , attraverso i pasti principali e gli spuntini.

akarapong/Shutterstock share

Saltare la colazione o peggio il pranzo e introdurre 1500/2000 calorie unicamente in un pasto, non fa bene alla salute e mette in moto delle reazioni metaboliche che non faciliteranno di sicuro la perdita di peso.

Loading...

Cucinare seguendo metodi di cottura leggeri

Quando i giapponesi cucinano usano metodi di cottura sani, non espongono gli alimenti ad altissime temperature , friggono in una padella wok o utilizzano il  robatayaki  per la cottura di pesce e carni, una specie di barbecue la cui piastra non diventa mai eccessivamente calda. Come per la cucina a vapore questi metodi mantengono inalterate le proprietà dei principi nutritivi e permettono agli alimenti di essere più facilmente dgeribili.

KPG_Payless/Shutterstock share

Il calore è vita

L’idea che il calore è vita si traduce nel concetto che il cibo è una fonte di energia che ci garantisce la sopravvivenza.

Quando ci apprestiamo a seguire un regime alimentare controllato , le nostre abitudini alimentari subiscono dei cambiamenti e generalmente iniziamo a mangiare più frutta e verdura rispetto al solito. Tuttavia, questi alimenti che i giapponesi definiscono ’freddi’ e quindi ricchi di sostanze nutritive particolarmente indicate nelle stagioni calde, possono determinare delle carenze nutrizionali che solo gli alimenti ’caldi’ sono in grado di ristabilire. 

In sostanza bisogna sempre fare attenzione all’assunzione equilibrata dei cibi, per garantire all’organismo tutti i principi nutritivi necessari per mantenersi in salute anche quando si segue una dieta dimagrante .

Mangiare consapevolmente

I giapponesi nei confronti dell’alimentazione hanno un atteggiamento diverso. L’ora dei pasti viene vissuta ad un livello più profondo ed emozionale, per questo gli dedicano tempi maggiori.

Certo con mezz’ora di pausa pranzo noi non riusciamo a farlo, ma basta poco per predisporsi mentalmente verso una condizione che possa permetterci di riscoprire la bellezza di assopare i cibi lentamente per apprezzarne il gusto o il profumo. 

Masticare lentamente è fondamentale ed è utile al fine di migliorare le funzioni digestive ed evitare l’introduzione di aria che causa quel fastidioso gonfiore addominale.

Non bere durante i pasti

Molti giapponesi evitano di bere durante i pasti poichè ritengono che l’introduzione di acqua renda la digestione più difficoltosa. 

Questo è dovuto al fatto che i liquidi raffreddano il corpo e sottraggono il calore e l’energia necessaria ai processi digestivi.

Alcuni studi hanno evidenziato inoltre che bere acqua, o qualsiasi bevanda durante i pasti, neutralizza i succhi gastrici e costringe l’organismo ad un dispendio energetico maggiore.

Secondo gli esperti, durante i pasti l’acqua di cui abbiamo bisogno durante i pasti, dovrebbe provenire dagli alimenti stessi come verdure, zuppe e frutta.

Un bagno caldo allunga la vita

Fare un bagno caldo abitualmente dona benessere e allunga la vita. Gli effetti sono immediati, migliora la circolazione, favorisce il rilassamento muscolare, dona calma e allenta la tensione da stress.

La temperatura ottimale per ottenere tutti i benefici elencati si aggira tra i 37.7 ai 40 gradi centigradi.

Se hai trovato utile questo articolo condividilo con i tuoi amici e conoscenti