Può succedere, in diversi momenti della giornata, che all’improvviso tutto giri intorno a noi, ecco che si presentano i cosiddetti capogiri. Destabilizzanti quanto confusionali, i capogiri, se sporadici, non debbono suscitare preoccupazione, al contrario se si verificano sistematicamente occorre approfondire ed andare alla ricerca della cause scatenati. Dietro questo disturbo infatti possono nascondersi diverse problematiche a cui talvolta non diamo molto peso, ma che invece dovrebbero essere esaminate a fondo con il supporto di un medico. Tra le tante cause che portano alla comparsa dei capogiri, ne abbiamo raccolte 10, vediamole insieme.

Pressione bassa (ipotensione)

Chi soffre di bassa pressione sa bene che repentini cambi di posizione provocano capogiri. Ad esempio quando da una posizione accovacciata si torna immediatamente ad una posizione eretta, tutto sembra girare intorno, i battiti del cuore sono accelerati, la respirazione più affannosa e la vista annebbiata.

Sbalzi glicemici

Quando si verificano sbalzi glicemici, o meglio un rapido abbassamento dei livelli di glicemia, possono verificarsi capogiri, accompagnati da sudorazione fredda, debolezza, vista annebbiata e tremori. Ciò accade ad esempio quando si seguono diete fai da te o quando si è in presenze di patologie quali i diabete.

Infiammazioni cervicali

Le infiammazioni cervicali sono una delle cause più comuni dei capogiri. Erroneamente associate a persone anziane, le infiammazioni cervicali colpiscono persone di ogni età. Si tratta dell’infiammazioni di vasi sanguigni e nervi atti a regolare il senso di equilibrio. Tale compressione si verifica eseguendo movimenti sbagliati o quando si sta per molto tempo con la testa abbassata, ad esempio, quando si sta leggendo un libro.

Carenza di ferro

Se i capogiri sono accompagnati da ronzii alle orecchie, spossatezza e stanchezza eccessiva, probabilmente la causa dovrà essere ricercata in una carenza di ferro. È bene sapere che quando si è in presenza di una carenza di ferro, i globuli rossi sono pochi, questo comporta una minor ossigenazione ed una carena nutritiva dei tessuti e delle cellule. Ciò comporta l’insorgere di capogiri accompagnati dai sintomi poc’anzi enunciati.

Ansia e attacchi di panico

Al verificarsi di crisi d’ansia o attacchi di panico, (classico esempio di un claustrofobico resta chiuso nell’ascensore), non è raro l’insorgere di capogiri, associati ai sintomi più comuni quali mancanza d’aria, tachicardia o senso di costrizione al petto.

Labirintite

La labirintite è un’infiammazione di una parte dell’orecchio (labirinto) che regola l’equilibrio. Se pertanto accade frequentemente di avvertire capogiri e perdite d’equilibrio, è bene prendere in considerazione il fatto che forse si è affetti da labirintite.

Stress

Se si vivono situazioni di forte stress emotivo, può verificarsi un improvviso abbassamento di pressione che provoca capogiri, talvolta accompagnati da svenimenti. Pensate ad esempio allo stresso di ricevere la notizia improvvisa di un lutto improvviso, lo sgomento e lo stress è tanto da poter causare capogiri. Fortunatamente queste situazioni sono transitorie e si risolvono spontaneamente in pochi minuti.

Sbalzi ormonali

Questa è una delle cause che riguarda soprattutto le donne. Durante alcuni periodi della vita come l’arrivo del ciclo o l’avvicinarsi della menopausa, sono sottoposte a sbalzi ormonali che possono provocare capogiri. Ma gli sbalzi ormonali non riguardano solo la sfera femminile, infatti sbalzi ormonali a carico della tiroide posso anch’essi provocare capogiri, anche se il meccanismo per cui avvengono non è ancora ben chiaro.

Gravidanza

Anche questo periodo è influenzato da sbalzi ormonali che possono provocare capogiri, ma non solo. Durante i primi mesi della gravidanza vi sono tutta una serie di cambiamenti come sbalzi glicemici, abbassamento del ferro o la crescita del feto che va a comprimere i vasi sanguigni. Tutti questi cambiamenti provocano capogiri, spesso accompagnati da stanchezza e spossatezza.

Fumo da sigaretta

Capita che un neofumatore avverta capogiri appena subito dopo aver fumato le prime sigarette. Questo accade perché l’organismo non riconosce le sostanze che vengono inalate, pertanto agisce come se volesse proteggersi da qualcosa di sconosciuto.