La  sudorazione notturna  è un disturbo comune che compare durante il sonno e rischia di farvi  svegliare.

Normalmente l’organismo produce fra i 500 e i 1000 cc di  sudore  al giorno, ma in alcune circostanze, come l’aumentata temperatura esterna o l’attività fisica  ne aumentano il quantitativo giornaliero. In  alcuni casi, tuttavia la sudorazione può aumentare senza che vi siano condizioni che ne giustifichino la comparsa e di solito nascondono qualche disturbo. 

 Ecco alcuni dei motivi per cui la sudorazione notturna può verificarsi:

  • Menopausa 
  • Iperidrosi idiopatica
  • Infezioni 
  • Cancro 
  • Farmaci 
  • Ipoglicemia 
  • Disturbi ormonali 
  • Condizioni neurologiche.

Menopausa  

Le vampate di calore che accompagnano la menopausa possono fare la loro comparsa la notte e causare la sudorazione .   

Iperidrosi idiopatica  

È una condizione cronica in cui l’organismo produce troppo sudore senza che si possa trovare una causa medica specifica.   

Infezioni 

La tubercolosi è l’infezione che più si associa alla sudorazione notturna . Ma anche infezioni batteriche, come endocardite (infiammazione delle valvole cardiache), osteomielite (infiammazione alle ossa) e ascessi possono provocare la sudorazione notturna, oltre all’HIV.   

Cancro  

La sudorazione notturna è uno dei primi sintomi di alcuni tumori, anche se nella maggior parte dei casi compare insieme ad altri, come perdita di peso inspiegabile e febbre.   

Farmaci 

Prendere certi farmaci influisce sulla sudorazione notturna . I più comuni sono gli antidepressivi, però non bisogna dimenticare quelli per abbassare la febbre come l’aspirina e il paracetamolo e molti altri. 

Ipoglicemia  

Bassi livelli di zucchero nel sangue possono causare la sudorazione . Se prendete l’insulina o medicine per il diabete per via orale è possibile che siate ipoglicemici e di conseguenza che la notte sudiate .   

Disturbi ormonali  

Fra i disturbi ormonali che provocano la sudorazione notturna possiamo citare il feocromocitoma, la sindrome da carcinoide e l’ipertiroidismo.   

Condizioni neurologiche  

Anche se è raro, le condizioni neurologiche seguenti possono far sudare la notte : disreflessia, siringomielia post-traumatica, ictus e neuropatia autonomica.   

Rimedi naturali  

Ecco alcuni rimedi per alleviare il fastidio provocato dalla sudorazione notturna . Date un’occhiata anche ad altri rimedi per l’iperidrosi

  • Aceto di mele e bicarbonato 
  • Boro 
  • Maca 
  • Vitamine e minerali 
  • Cimifuga racemosa 
  • Olio di enagra 
  • Dong quai 
  • Semi di lino 
  • Soia 
  • Idratazione. 

Aceto di mele e bicarbonato 

Entrambi sono degli ingredienti popolari per diversi rimedi casalinghi perché hanno proprietà terapeutiche e sono utili in caso di vari problemi alla salute, compresa la sudorazione notturna . Basta mescolare un cucchiaio di aceto di mele con un quarto di cucchiaino di bicarbonato in un bicchiere di acqua calda. Bevete questa miscela almeno tre volte al giorno a stomaco vuoto, circa venti minuti prima di mangiare. 

Boro  

L’integrazione di boro aiuta in caso di sudorazione notturna . Mescolatene 6 grammi in un litro di acqua filtrata e usatene 5-10 ml almeno tre-cinque volte al giorno per tre-quattro mesi prima di diminuire la dose a due volte al giorno. 

Maca  

La maca è una pianta originaria del Perù centrale sempre usata come rimedio dalle comunità indigene. La radice di maca è disponibile in polvere: potete aggiungerla a frullati, cereali, zuppe e insalate. La quantità raccomandata è 1-3 cucchiaini al giorno. 

Vitamine e minerali  

Il corpo ha bisogno di ulteriori fonti di vitamine e minerali in caso di sudorazione notturna . Il più importante è il magnesio che trovate in verdure a foglia verde curo, semi e noci, cereali integrali e fagioli. Fondamentale è anche la vitamina E e dovete prenderne 600 UI al giorno per ridurre la sudorazione

Cimifuga racemosa  

È venduta sotto forma d’integratore ma non usatela per più di sei mesi perché altrimenti interferisce con la capacità naturale del corpo di produrre estrogeni. 

Olio di enagra  

Viene estratto dai semi della pianta di enagra ed è una fonte di acido gamma linoleico, un acido grasso omega 6 che aiuta a sudare meno

Dong quai  

È famosa per ridurre i sintomi della menopausa e bilanciare gli ormoni . Si chiama anche infatti “ginseng femminile” e viene usata da tempo nella medicina cinese tradizionale.

Semi di lino  

Prendete 1-2 cucchiaini di semi di lino macinati ogni giorno. Potete aggiungerli a frullati, insalate, omelette e piati al giorno o mangiarli da soli. L’importante è che li maciniate perché sono difficili da digerire. 

Soia 

Gli isoflavoni della soia aiutano a bilanciare i livelli ormonali . Bevete latte di soia e aggiungete più prodotti di soia alla dieta: sempre meglio che prendere integratori. Basta metà tazza di fagioli di soia, un quarto di tazza di fagioli edamame o una tazza di tofu. Oppure due tazze di latte di soia o un quarto di tazza di noci di soia tostate. 

Idratazione 

Mantenervi idratati può alleviare i sintomi della sudorazione notturna . Bevete tanta acqua per regolare la temperatura interna del corpo ed eliminare le tossine. Il trucco è bere acqua prima di andare a letto e tenere una bottiglia vicino per bere durante uno di questi episodi. 

Alimentazione e stile di vita 

Seguire uno stile di vita sano è la scelta più indicata in caso di sudorazione notturn a, basta solo volerlo. In più, è gratis e senza rischi! Esistono varie strategie per evitare di sudare eccessivamente e altre per stare meglio in generale.   

Evitare la sudorazione notturna  

  • Dormite vestiti a strati in modo da poter toglierne qualcuno 
  • Usate fibre naturali, traspiranti 
  • Evitate indumenti stretti 
  • Riducete il consumo di bevande calde 
  • Riducete il consumo di alcol e caffeina 
  • Abbassate il riscaldamento 
  • Evitate cibi piccanti o molto caldi   

Stare meglio in generale  

  • Fate dei respiri lenti e profondi 
  • Seguite una dieta equilibrata 
  • Aumentate il consumo di vitamina E a 800 mg al giorno  
  • Aumentate il consumo di vitamina B 
  • Aumentate il consumo di soia 
  • Fate esercizio fisico regolarmente 
  • Prendete in considerazione l’idea di praticare meditazione, yoga e visualizzazione    

Terapie farmacologiche  

Esiste innanzitutto la terapia ormonale, una combinazione di estrogeni e progestine per trattare i sintomi. Poi farmaci contro la sudorazione , che possono essere sia leggeri che forti, come quello a base di cloruro di alluminio. Altri medicinali sono gli anticolinergici che bloccano gli effetti dell’acetilcolina, usata dal sistema nervoso per attivare le ghiandole sudoripare .   

Se tutto ciò non funziona, potete rivolgervi a un dermatologo per la ionoforesi, le iniezioni di botulino o un intervento chirurgico. La ionoforesi utilizza la corrente elettrica per trattare le parti della pelle colpite e bloccare così le ghiandole sudoripare . Anche le iniezioni di botulino riducono la sudorazione in determinate zone. Per quanto riguarda la chirurgia, vengono fatte delle incisioni per impedire che i segnali del cervello arrivino alle ghiandole sudoripare mediante la simpatectomia toracica endoscopica oppure vengono proprio rimosse le ghiandole .   

Questo genere di trattamenti comunque sono molto invasivi, quindi consultate il medico se i rimedi naturali non funzionano e la sudorazione è eccessiva e non vi dà tregua. Potrebbe esserci qualche patologia alla base e solo lui potrà consigliarvi la terapia farmacologica più adatta o dirvi di andare dallo specialista.