Menù

I Vari Tipi di Insonnia, Cause e Conseguenze

Shares
Read Carefully

L’insonnia è un problema diventato molto comune nella società contemporanea, in quanto si tratta di un disturbo che, per quanto possa avere diversi tipi di causa, si lega soprattutto allo stress. Chi soffre di insonnia, in generale, dorme poco e male, ma ci sono tanti modi diversi in cui questo malessere si può manifestare.

Oggi vogliamo analizzare queste diverse categorie per aiutarti a scoprire, qualora tu soffra di questo disturbo, qual è la sua causa e quali sono i rimedi che puoi adottare. La mancanza di sonno, infatti, può avere tante ripercussioni sul nostro organismo e sulla nostra vita sociale: dunque è qualcosa che non va mai preso alla leggera.

LE CAUSE DELL’INSONNIA

Fonte: www.wsj.com

I motivi per cui non si riesce a prendere sonno, ci si sveglia di soprassalto, o addirittura si trascorre l’intera notte in bianco, possono essere molteplici. Le cause principali si rintracciano sempre a livello psicologico: magari si ha un problema, si prova ansia per qualcosa che deve accadere il giorno dopo, o si è semplicemente molto stressati.

Ci possono poi essere motivi fisiologici: ad esempio un pasto pesante, o una bevanda eccitante presa prima di andare a letto. Gli sbalzi ormonali causano insonnia, e così pure ogni alterazione del ciclo circadiano (relativo all’alternarsi del giorno e della notte).

Ancora, può privarci del giusto sonno un ambiente in cui dormiamo non adeguatamente esposto, dove siano presenti fonti di luce o di rumore, o l’uso di dispositivi elettronici, come lo smartphone, prima di addormentarsi.

I VARI TIPI DI INSONNIA

Fonte: www.massagefreo.com.au

Le varie tipologie di insonnia che ora elencheremo si legano anche alle cause: infatti, a seconda del motivo scatenante della mancanza di sonno, essa avrà caratteristiche diverse.

INSONNIA PASSEGGERA, O ACUTA

Questo tipo di insonnia di solito non si verifica per più di due settimane, e dunque si lega ad un evento contingente passato il quale si torna a riposare con regolarità. Quindi non ha ripercussioni sull’organismo, tranne il fatto di lasciare la persona che ne soffre un po’ imbambolata durante il giorno.

L’insonnia passeggera è quella che si verifica dopo un viaggio in cui si è cambiato fuso orario, o prima di un esame o di una prova importante.

INSONNIA A BREVE TERMINE

Se l’insonnia dura tra le 4 o le 6 settimane si dice a breve termine. Non lascia strascichi ma influenza maggiormente la vita quotidiana rispetto all’insonnia passeggera. In genere la si sperimenta dopo aver subito un evento particolarmente traumatico, come un lutto.

INSONNIA CRONICA

Se l’insonnia è costante, e dura oltre i 3 mesi l’anno, è una patologia cronica che causa molte difficoltà nella vita. Può infatti avere conseguenze fisiche e psichiche.

INSONNIA LEGGERA

www.njlifehacks.com

L’insonnia leggera non lascia che un po’ di sonnolenza durante il giorno. Il soggetto non vede l’ora di tornare a dormire, ma non subisce conseguenze.

Loading...

INSONNIA MODERATA

Coloro per i quali l’insonnia è una compagna frequente sono spesso irritabili e di malumore. Questo porta ad un deterioramento della loro vita sociale e ad uno scarso rendimento sul lavoro.

INSONNIA GRAVE

Chi non dorme praticamente mai sperimenta conseguenze molto serie: spesso non ha nemmeno la forza di alzarsi dal letto ed è incapace di concentrarsi su qualunque cosa. L’unica soluzione spesso sono i farmaci.

INSONNIA ALL’INIZIO DELLA NOTTE

Fonte: hypnosiscoldlaser.com

L’insonnia infine si differenzia per il momento in cui si verifica. Ad esempio c’è chi fatica a prendere sonno: e non serve contare le pecorelle!

INSONNIA NEL CUORE DELLA NOTTE

Oppure c’è chi si sveglia a notte fonda e non riesce più a prendere sonno.

INSONNIA AL MATTINO PRESTO

Infine c’è chi si sveglia ben prima che la sveglia suoni e resta con gli occhi sbarrati ad aspettare il momento di alzarsi.

RIMEDI PER L’INSONNIA

Come avrai capito, non esiste un unico rimedio contro l’insonnia: prima devi capire di che natura è il tuo malessere, quale ne è la causa, e poi dovrai agire su di essa. I casi gravi richiedono il consulto di un medico, ma negli altri casi puoi provare con alcuni semplici accorgimenti.

La camera da letto deve essere buia e silenziosa, e devono essere banditi i dispositivi elettronici. Non mangiare né bere tanto prima di andare a letto, magari fatti una bella tisana rilassante, e mettiti comodo.

Soprattutto metti nel cassetto del comodino i brutti pensieri: possono aspettare domani, quando ti sveglierai a mente fresca e troverai nuove soluzioni ai tuoi problemi.

Leggi anche  Cervicalgia e mal di schiena: la posizione migliore per dormire
Loading...
loading...
Advertisement
Top