Menù

Pap Test: quando e perché è importante farlo

Shares
pap test
Read Carefully

A cosa serve il Pap test e perchè è importante farlo? Cercheremo di rispondere a queste domande in modo semplice e quanto più esaustivo possibile. Il Pap test è un esame citologico che viene eseguito nelle donne allo scopo di valutare la presenza o meno di cellule anomale a livello della cervice uterina.

Al giorno d’oggi la scienza medica è riuscita a ridurre la mortalità causata da alcune malattie, come il tumore, grazie alla prevenzione. Un cancro diagnosticato per tempo offre infatti maggiori probabilità di guarigione. Senza dubbio richiede interventi meno invasivi. Ecco a cosa serve il Pap test: è un esame di prevenzione per accertare che non i siano segnali di insorgenza di tumore all’utero.

Pap test: cos’è e quando farlo

Pap test quando farlo

Come dicevamo, un cancro può essere curato meglio e con più efficacia se scoperto ai suoi stadi iniziali. Ecco perché i medici ginecologici consigliano di eseguire il Pap test con regolarità dall’età di 21-25 anni. In genere, lo si consiglia dal momento in cui si cominciano ad avere rapporti.

Sapere il Pap test cos’è, dunque, è indispensabile a tutte le giovani donne, anche se l’esame va ripetuto fino ai 65 anni, quindi dopo la menopausa. Se ci si chiede il Pap test quando farlo, la risposta è ogni tre anni circa, tranne diverse indicazioni del medico. Non bisogna attendere di avere sintomi, poiché non è un esame diagnostico.

Pap test risultati

Pap test come si esegue

Il Pap test prende il suo nome dal medico che lo ha inventato, che di cognome si chiamava Papanicolau. Questo test non deve creare ansia nella donna perché è davvero semplice e si può eseguire presso il proprio ginecologo di fiducia. La donna assume la classica posizione ginecologica come in una visita di routine.

Il medico usa strumenti specifici come la spatola di Ayre ed il Cytobrush, un piccolo ‘spazzolino’ per prelevare un campione di cellule dalla cervice, ovvero dal collo dell’utero, che è la zona dove potrebbero svilupparsi i tumori. Poi invia il campione in laboratorio.Tutto qui. Per chi si chiede se il Pap test fa male, la risposta è no. Al limite, in soggetti molto sensibli, può causare qualche fastidio ma nulla di più.

Se il Pap test è negativo, ciò vuol dire che non ci sono motivi per ulteriori approfondimenti e che l’esame andrà ripetuto dopo tre anni. Se il Pap test è positivo si eseguiranno ulteriori approfondimenti. Non ci si deve in nessun caso allarmare: un pap test risultato positivo non significa necessariamente che ci sia la presenza di un tumore, ma solo che potrebbero esserci virus o infezioni da tenere sotto controllo per evitare complicazioni.

Pap test in gravidanza

pap test in gravidanza

Non ci sono controindicazioni nell’eseguire il Pap test in gravidanza, anche se di solito, a meno che non ci siano particolari motivi di allarme, si evita di farlo. Si può eseguire il Pap test su una vergine, nel qual caso si userà qualche accorgimento in più. I risultati, però, potrebbero essere meno accurati. Inoltre, visto che l’incidenza del tumore cervicale si fa più elevato solo dopo i primi rapporti sessuali, in genere si ritiene inutile sottoporre al Pap test una donna che abbia ancora l’imene intatto.

Pap test preparazione

Gli unici accorgimenti da ricordare è che il test non va eseguito durante le mestruazioni, e che sarebbe bene astenersi dai rapporti almeno nei due giorni precedenti. Inoltre non si dovrebbero nemmeno usare, sempre nei giorni precedenti il test, lavande vaginali, ovuli, lubrificanti, o altre sostanze che potrebbero causare un risultato del pap test alterato. Risultato che sarà letto dal dottore, in quanto è l’unico in grado di interpretarlo in modo corretto.

Loading...
Advertisement
Top