Menù

Massaggio Thailandese: come si fa e perchè fa bene

Shares
perchè fare un massaggio thai
Read Carefully

Il massaggio Thailandese nasce per guarire, purificare e rendere la persona ricevente come nuova. Il suo nome originale Thai è “nuad phaen borarn” che significa proprio “toccare per guarire”.

Oggi viene effettuato da professionisti del settore, che si dedicano al benessere ed esercitano la loro pratica all’interno di studi professionali. Conosciamolo meglio nel dettaglio.

Cos’è il massaggio Thailandese

Il massaggio Thailandese è una tecnica antica basata su un lavoro globale, che usa tutto il corpo – dalle dita sino alle ginocchia, avambracci grazie alla pressione dei palmi e alla digitopressione. Durante questa tipologia di massaggio il corpo viene sottoposto ad una serie di azioni determinanti, per il proprio benessere con la manipolazione – stiratura – allungamento – in maniera totalmente gentile e profonda, con alcune azioni che ricordano la tecnica dello Yoga passivo.

La durata è variabile, a seconda della richiesta e necessità con un minimo di un’ora e mezza ed un massimo di tre ore intense.

Massaggio Thailandese benefici

Quali sono i benefici massaggio Thailandese?
Tantissimi i benefici riconosciuti nel tempo, non solo di rilassamento ma anche di rassodamento. Non solo, con pressione esercitata su palmo della mano e pianta del piede, si vanno a toccare delle terminazioni nervose molto importanti e nel dettaglio:

  • palmopressioni e digitopressioni per un beneficio sedativo;
  • liberazione dell’energia così da incontrare armonia ed equilibrio del corpo con la mente;
  • aumento della flessibilità, aiutando anche l’allungamento muscolare, il ritrovamento della postura corretta dello scheletro – eliminando anche il male alla schiena e lombi.
  • Questa tipologia di massaggio è indicato alle persone che devono rafforzare gli organi, migliorando l’afflusso di sangue e il drenaggio dei tessuti, alleviare lo stress e la rabbia nascosta, migliorare alcune patologie neurologiche, migliorare e contrastare l’invecchiamento cutaneo, migliorare la mobilità e movimento.
  • Ideale anche per combattere l’insonnia e trovare soluzioni a problematiche apparentemente impossibili da gestire.

Storia del massaggio Thailandese

La storia del massaggio thailandese è molto affascinante, essendo arricchita da una leggenda straordinaria rimasta sospesa nel tempo. Per capire bene tutto il contesto, dobbiamo fare un piccolo salto indietro sino al V secolo, dove Shivago Kumar Baj – Padre della Medicina Thailandese – codificò questa pratica, essendo alla corte del Re Maghada e medico di tutta la comunità buddhista.

Leggi anche  Allevia il Mal di Schiena utilizzando una Molletta da Bucato!

Non si hanno documenti in merito alla sua nascita, ma la tradizione è stata tramandata da generazioni compiendo gli stessi movimenti da lui dettati al fine di diffondere una pratica gentile e – nello stesso tempo – utile. Nonostante, come anticipato, non ci siano prove o documentazioni storiche, si pensa che il Padre della Medicina Thailandese abbia “fuso insieme” medicina e posizioni di Yoga passivo, in considerazione della vasta propagazione, in poco tempo, di questa disciplina anche in altri luoghi asiatici.

Loading...

Si dovrà attendere sino al 1888 per attendere la fondazione del Siriraj Hospital di Bangkok, dedicato alla procedura di medicina allopatica e sino al 1993, per la fondazione del National Institute of Thai Traditional Medicine.

Come si fa il massaggio Thailandese

La persona che riceve il massaggio Thai, si deve collocare con tutto il corpo su un materassino, che sarà stato realizzato in lana o cotone, non troppo morbido ma naturale al 100%. Lo stesso verrà riposto a terra e l’abbigliamento di entrambi dovrà essere comodo, morbido e traspirante favorendo movimenti e ossigenazione, mantenendo però i muscoli sempre caldi.

Di norma, viene effettuata una digitopressione con i pollici, seguito da una compressione con il palmo della mano e movimenti che vanno ad aumentare come intensità, man mano che si raggiunge la parte dedicata al cuore. Il procedimento viene svolto in totale silenzio e il terapista resta inginocchiato, coordinandosi man mano che si va avanti.

massaggio-thailandese-sanieattivi

A fine massaggio, il paziente dovrebbe avvertire energia, rilassamento e muscoli liberi da ogni scoria.

Dove fare un massaggio Thailandese

Il massaggio Thailandese deve essere effettuato all’interno di un centro preposto, professionale e dotato degli strumenti idonei nel svolgere al meglio la tecnica. Il costo varia a seconda della struttura scelta e i terapisti devono essere in possesso di certificato per esercitare questa tipologia di massaggio.

Loading...
loading...
Advertisement
Top