Hai mai sentito parlare dei 4 veleni bianchi ? Dei moschettieri silenziosi che, invece di far bene all'organismo, apportano non pochi disagi, specie se consumati con frequenza o in dosi eccessive.

Molto spesso si cerca di mangiare in modo corretto senza rendersi conto che all'interno della propria alimentazione ci sono cibi che andrebbero almeno ridotti o comprati solo se la provenienza è certificata e sicura.

Conosciamo i 4 veleni bianchi

Lo zucchero. È il primo e forse il più famoso tra i quattro. Presente praticamente in tutti i dolci o le merendine reperibili sul mercato (fatta eccezione per quelle naturalmente prive di zuccheri, ovviamente), è altamente dannoso per l'organismo. Il consumo eccessivo può causare stanchezza , sonnolenza e portare allo sviluppo di patologie come il diabete. Purtroppo anche chi cerca di limitarne il consumo molto spesso non riesce a comprendere quanto sia presente ovunque, tra cioccolatini del bar, bevande, succhi di frutta, yogurt, etc... L'ideale sarebbe ridurlo al massimo, cercando di sostituirlo con alternative come miele, zucchero integrale di canna, cannella, etc...

La farina bianca. Presente in pane, pasta ed altri prodotti di uso giornaliero, apporta ben pochi nutrienti, innalzando la glicemia e portando a sensazioni di affaticamento . Chi non ha mai avuto sonno subito dopo un bel piatto di pasta? L'ideale sarebbe quello di ridurla, passando a farine e cereali integrali che donano più energia senza affaticare.

Il sale. Ormai è risaputo che il sale andrebbe ridotto. Purtroppo esso è presente in diversi alimenti. Tante volte lo si trova anche in merendine e biscotti . Motivo in più per cui è indispensabile prestare attenzione agli ingredienti. Consumare troppo sale, infatti, oltre a ridurre il calcio nelle ossa può portare a pressione alta e cattiva digestione.

Il latte. Sempre più discusso, questo alimento per essere considerato sano dovrebbe provenire da allevamenti biologici e certificati. Purtroppo, infatti, le confezioni di latte comune molto spesso provengono da mucche alimentate ad antibiotici che finiscono in ciò che beviamo. Inoltre può provocare intolleranza . Va bene assumerlo quindi ma è sempre meglio far attenzione alla provenienza.

Va ricordato, ovviamente, che seppur chiamati veleni bianchi, questi alimenti possono comunque far parte dell'alimentazione, purché consumati con criterio e senza esagerazioni come invece avviene troppo spesso. La moderazione e l'equilibrio, dopotutto, sono alla base del benessere .