Solo negli ultimi anni l’alimentazione priva di glutine si è molto diffusa. In realtà, sembra che quasi tutte le persone stiano evitando di assumere il glutine, indipendentemente dal fatto che ne abbiano veramente bisogno o meno. Gli alimenti senza glutine sono diventati sinonimo di mangiare sano, oltre a mangiare tutto ciò che contiene pochi zuccheri, senza latte ed a basso contenuto di carboidrati. 

Ma che cosa è il glutine , perché il glutine è nemico della salute e hai davvero bisogno di escluderlo dalla tua alimentazione? Andiamo con ordine...

Per alcuni, l’eliminazione del glutine dalla dieta può apportare grandi benefici quando si tratta di salute. Una dieta priva di glutine, esattamente come una dieta contro la sensibilità al glutine, potrebbe aumentare la combustione dei grassi , fornire una quantità di energia supplementare , ridurre l'infiammazione ed agevolare sintomi digestivi quali il gas, il gonfiore o la diarrea . Per tante persone, seguire un’alimentazione priva di glutine potrebbe anche essere la chiave per ridurre i problemi comportamentali e migliorare i sintomi dell'autismo e della sindrome dell'intestino irritabile.

Il glutine si trova in molte tipologie di alimenti. Esistono, però, alcuni tipi di cibi che contengono glutine e che non avresti mai pensato potessero “creare danni”. L'adozione di una dieta senza glutine potrebbe risultare un enorme sacrificio, ma non deve esserlo: incorporare alcuni alimenti senza glutine nella tua dieta quotidiana può essere semplice e ti permetterà di coglierne i vantaggi.

Che cos’è il glutine e come escluderlo dalla tua alimentazione?

Prima di capire se una dieta senza glutine è adeguata alle tue esigenze, è importante comprendere cosa sia il glutine, quali sono gli alimenti senza glutine e quali quelli che puoi consumare.

Anzitutto, il glutine è un tipo di proteina presente nella granaglia come il frumento, l'orzo e la segale. Essa è responsabile dell'elasticità dei cibi e della fornitura della loro trama gommosa. Inoltre, viene spesso aggiunto ad altri alimenti per modificare la stabilità e la struttura di prodotti quali salse per le insalate, condimenti e salumi.

Se sei celiaco o intollerante al glutine, potresti avvertire una serie di disturbi collaterali dolorosi o fastidiosi come problemi digestivi e cambiamenti d umore .

Sempre più sono le persone soggette a celiachia che è una condizione autoimmune. Le persone affette da questa malattia non possono assumere alimenti contenenti glutine onde evitare problematiche di vario genere all ’intestino tenue . Questa situazione può causare malassorbimento , malnutrizione , diarrea , eruzioni cutanee e spossatezza .

Eliminare il glutine dalla tua dieta può essere una sfida perché esso è presente in molti alimenti. L’avena, ad esempio, non contiene glutine naturalmente. Ma ne contiene se la acquisti in un negozio? Purtroppo, la risposta non è ancora così chiara. Infatti, a causa della contaminazione incrociata, molti alimenti contengono una piccola quantità di glutine che può causare gravi problemi a coloro che hanno una sensibilità o un’intolleranza a tale sostanza.

Tuttavia, per coloro che sono sensibili al glutine è possibile seguire una dieta priva di glutine per migliorare la tua salute. La ricerca ha continuato a scoprire molti vantaggi in merito dal rafforzare i livelli di energia alla riduzione dei sintomi dell'autismo nei bambini e molto altro ancora.

Perché seguire una dieta priva di glutine?

Un’alimentazione senza tracce di glutine apporta numerosi benefici alla tua salute. Vediamo insieme di cosa sto parlando...

1. Facilita la digestione

Problemi digestivi come il gonfiore, il gas e la diarrea sono alcuni dei segni distintivi della sensibilità al glutine, insieme ad altri effetti collaterali come la fatica e le alterazioni dell'umore. Inoltre, alcuni sintomi tipici della celiachia includono nausea, vomito, flatulenza e diarrea.
Se si verifica uno qualunque di questi problemi dopo aver mangiato alimenti con glutine, eliminandoli dalla tua dieta potresti significativamente contribuire a ridurre questi fastidiosi sintomi.
Una ricerca americana ha esaminato gli effetti del glutine negli adulti non celiaci, ma affetti da sensibilità a questa proteina: dopo aver ingerito il glutine ogni giorno per sei settimane, i partecipanti hanno segnalato un peggioramento dei sintomi come il dolore, il gonfiore e la stanchezza. 
Se si verificano regolarmente effetti collaterali secondari digestivi dopo aver mangiato alimenti contenenti glutine, considera di intraprendere una dieta priva di glutine in quanto potrebbe contribuire a fornire sollievo a lungo termine.

2. Fornisce energia supplementare

Alcune persone riferiscono di sentirsi stanchi o particolarmente pigri dopo aver mangiato alimenti con glutine. Se questo è il tuo caso, un piano dietetico senza glutine potrebbe fornirti dellenergia supplementare, impedire che il tuo cervello si offuschi e che la fatica insorga.
La celiachia può anche causare il malassorbimento dei nutrienti, cosa che potrebbe anche essere la causa della stanchezza. Per gli individui che soffrono di questi sintomi, mangiare il glutine può innescare una risposta immunitaria che provoca le cellule immunitarie e le porta ad attaccare l'intestino tenue. Nel tempo, i danni causati a questo organo possono compromettere l'assorbimento di determinate sostanze nutritive, rendendo difficile ottenere i nutrienti necessari per mantenere buoni livelli di energia. In particolare, i livelli ridotti di ferro, folato, vitamina B12, vitamina D, zinco e magnesio sono tutti segni caratteristici dei pazienti con reazioni al glutine.
La carenza di ferro è particolarmente comune nei pazienti con celiachia. Ciò causa l'anemia, una condizione che è caratterizzata da una mancanza di globuli rossi con conseguente affaticamento e calo di energia.
Se questo è il tuo caso, la rimozione del glutine dalla tua dieta potrebbe contribuire ad aumentare i livelli di energia ed impedire la sensazione di pigrizia. Ricordati di inserire nella tua alimentazione molti nutrienti per mantenere alti i livelli di energia. 

3. Aiuta i bambini con autismo

L'autismo è una problematica dello sviluppo che provoca disturbi nella comunicazione e nell'interazione sociale. Sebbene l'autismo colpisca le persone di tutte le età, la maggior parte dei casi sono identificati nei primi due anni di vita.
Il trattamento tradizionale per l'autismo comprende l'uso di diverse tipologie di terapie specializzate insieme all’utilizzo di farmaci. 
Tuttavia, promettenti nuove ricerche hanno dimostrato che l'eliminazione del glutine potrebbe contribuire a ridurre i sintomi dell'autismo nei bambini quando utilizzati da soli o in combinazione con i metodi convenzionali di trattamento.
Una ricerca sulla neuroscienza nutrizionale, ad esempio, ha rilevato che una rigorosa dieta priva di glutine ha apportato buoni miglioramenti nelle persone affette da autismo.
Oltre a questo miglioramenti, la dieta senza glutine ha ridotto i sintomi gastrointestinali ed i disturbi comportamentali nei bambini con autismo.

4. Diminuisce l'infiammazione

Quando le persone affette da celiachia continuano a consumare glutine, possono contribuire alla diffusione di infiammazioni nel corpo con il passare del tempo. L'infiammazione è una risposta immunitaria normale, ma quando diventa cronica può essere legata allo sviluppo di malattie come malattie cardiache e cancro.
Se sei affetto da celiachia, una dieta senza glutine potrebbe aiutarti ad evitare l'infiammazione ed evitare conseguenze dannose per la tua salute.
Uno studio sugli animali ha rilevato che l'assunzione di glutine ha spostato l'equilibrio delle cellule immunitarie infiammatorie nei roditori, causando un aumento dei marcatori di infiammazione. D'altra parte, è stato rilevato che, a seguito di una dieta priva di glutine, migliorano i livelli di marcatori infiammatori in questi animali. 
Nonostante ciò, sono necessari ulteriori studi sugli esseri umani per determinare se una dieta senza glutine possa contribuire a ridurre l'infiammazione negli esseri umani.

5. Promuove la perdita di grasso

Oltre a ridurre sintomi come problemi digestivi e stanchezza, alcune ricerche hanno anche scoperto che seguire una dieta senza glutine può contribuire a promuovere la perdita di grasso.
Sono stati effettuati alcuni esperimenti: i roditori che seguono una dieta senza glutine hanno mostrato riduzione di peso corporeo e grasso. Hanno, inoltre, avuto un aumento dei recettori specifici e degli enzimi che aumentano la rottura del grasso.
Tuttavia, non è chiaro se questo stesso effetto possa essere ottenuto anche sugli esseri umani. Sono necessari ulteriori studi specifici sugli effetti del glutine sul peso corporeo e sul grasso corporeo degli esseri umani.

6. Migliora i sintomi della sindrome dell'intestino irritabile

La sindrome dell'intestino irritabile è un disturbo intestinale che causa sintomi digestivi come gonfiore, gas, costipazione e diarrea.
Una dieta a basso contenuto di carboidrati è l’ideale per contrastare questa patologia. Ridurre l'assunzione di questi alimenti potrebbe aiutare a sconfiggere alcuni dei sintomi negativi della sindrome dell’intestino irritabile.
Sono stati confrontati gli effetti di una dieta senza glutine e di una con il glutine in persone affette da intestino irritabile con diarrea. I ricercatori hanno scoperto che coloro che mangiavano glutine avevano aumentato la frequenza dei movimenti intestinali rispetto a quelli che seguivano una dieta priva di glutine. 

Se devi iniziare un regime alimentare privo di glutine, non temere. Per rimuovere completamente il glutine dalla tua dieta, la lettura delle etichette è fondamentale. È improbabile trovare la scritta “glutine” su qualsiasi etichetta, ma potete prestare attenzione al simbolo della spiga di grano con una sbarra sopra che sta ad indicare che quello specifico alimento è privo di glutine!

Ovviamente sono molti gli alimenti che contengono glutine e devono essere eliminati dal tuo regime alimentare. Si tratta di grano , segale , orzo , malto , lievito di birra , avena , zuppe in scatola , salse confezionate , birre e bibite al malto , patatine confezionate aromatizzate , salsa di soia , condimenti per insalata , carne trattata , caffè istantaneo , budini , liquirizia e mostarda

Quali sono gli alimenti che puoi assumere Per fortuna non tutti gli alimenti contengono glutine per cui non rinunciare a quinoa , grano saraceno , riso nero , amaranto , mais , farina di sorgo , farina di teff , miglio , farina di noci , farine prive di glutine , frutta , verdura , pollame , carne , pesce , frutti a guscio , legumi e latticini .

Se sospetti di avere la celiachia o un'intolleranza al glutine, rivolgiti subito al tuo medico curante per verificare se una dieta priva di glutine sarà sufficiente oppure se sarebbe meglio fare degli esami specifici.

Se segui un’alimentazione senza glutine, assicurati di assumere altri alimenti che ti possano fornire tutti i nutrimenti necessari per il tuo benessere. 

Assumere cibo senza glutine è sconsigliato nei bambini a meno che non sia strettamente necessario e consigliato da un medico (o un dietista) in quanto potrebbe non avere i nutrienti necessari alla crescita.

Inoltre, tieni presente che il riso contiene arsenico e mercurio, metalli pesanti che possono essere nocivi in grandi quantità. Quindi, non esagerare con il consumo di riso . Puoi sostituire riso e pasta con altri cereali privi di glutine.