La Vitamina D è un micronutriente fondamentale dal quale dipende la salute delle ossa, il corretto assorbimento del calcio e il regolare funzionamento del sistema immunitario. E’ una vitamina liposolubile endogena, vale a dire che viene sintetizzata direttamente dal nostro organismo, grazie ai raggi solari

La corretta esposizione ai raggi solari durante tutto l’anno, permette di sintetizzare la Vitamina D nel modo adeguato. La Vitamina D, viene sintetizzata dalla pelle quando i raggi del sole raggiungono una certa intensità (massima con i mesi estivi e minima nei mesi invernali). Basta mezz’ora al giorno di esposizione al sole d’estate e 2 ore in inverno, per apportare la giusta quantità di vitamina D nel nostro organismo.

Secondo recenti studi, la carenza di Vitamina D è molto più diffusa di quanto in realtà si pensi . Questo perché al giorno d’oggi, non si passa più tanto tempo all’aria aperta come si faceva una volta. Si stima che circa il 50% della popolazione è a rischio di carenza di vitamina D. La carenza di questo prezioso nutriente comporta delle serie conseguenza sulla nostra salute fisica e mentale.

Oltre che dai raggi del sole , circa il 20% del fabbisogno giornaliero può essere integrato attraverso l’alimentazione. Pesce grasso (come il salmone), olio di fegato di merluzzo, uova, fegato, verdure verdi e carni rosse sono ricchi di vitamina D. 

Ecco i segnali che indicano una carenza di vitamina D

  1. Problemi della pelle: secondo gli studiosi, alti livelli di vitamina D, aiutano a combattere e prevenire problemi della pelle come ad esempio la psoriasi e la vitiligine.
  2. Stanchezza: la vitamina D è necessaria al nostro organismo per produrre energia. Una carenza di quest’ultima può portare a sentirsi stanchi durante tutta la giornata, senza capire effettivamente il perché.
  3. Pressione alta: Esiste una diretta correlazione tra quantità di vitamina D nel sangue e il rischio di pressione alta. Secondo uno studio danese, ai pazienti a cui veniva somministrata la Vitamina D, presentavano una notevole riduzione sia della pressione distolica che diastolica.
  4. Perdita di capelli: In uno studio condotto da Skin Pharmacology, esaminando 80 donne di età compresa tra i 18 e i 45 anni che soffrivano di perdita di capelli, è stato riscontrato che, queste ultime, avevano una totale o parziale assenza di vitamina D nel sangue.
  5. Mal di testa cronici: la carenza di vitamina D può aumentare il rischio di avere un mal di testa di tipo cronico, come dimostra un recente studio condotto dall’università della Finlandia Orientale.
  6. Depressione e sbalzi d’umore: La serotonina (l’ormone del buon umore) aumenta con l’esposizione alla luce del sole e diminuisce quando si sta troppo tempo in ambienti chiusi. Alcuni studiosi, hanno dimostrato come pazienti con un basso livello di vitamina D erano 11 volte più disposti ad essere depressi, in confronto a quelli con un alto livello di vitamina D nel sangue.
  7. Problemi respiratori: La vitamina D, secondo alcuni studiosi, è in grado di aiutarci a proteggere il sistema respiratorio da malattie ed infezioni.
  8. Ossa dolenti: quando ci si avvicina ai 30 anni, il corpo smette di irrobustire le ossa. Una carenza di vitamina D, può accelerare il processo di fragilità delle ossa e comportare dolori di diverso tipo.
  9. Debolezza muscolare: la vitamina D risulta essere fondamentale per il corretto funzionamento del sistema immunitario. La sua carenza, può provocare debolezza muscolare e dolori muscolari di vario tipo.
  10. Ti suda la testa: Se vi suda la testa senza un apparente motivo o avete particolarmente caldo anche se la stanza è fredda, potrebbe essere un evidente segnale di carenza di vitamina D.