Volete trovare un’ alternativa vegetale al latte ? Ormai in commercio ci sono tante opzioni, basta scegliere solo quella più adatta alle vostre esigenze. Ecco quindi una piccola guida per aiutarvi a scegliere il latte vegetale

Ci sono una miriade di motivi per cui cercare un’ alternativa al latte vaccino , fra cui intolleranza al lattosio, escludere derivati animali o semplice curiosità. Ma qualunque sia la ragione, per fortuna esistono tante bevande interessanti 100% vegetali . Le più comuni sono quelle di

  • Riso
  • Avena
  • Soia
  • Canapa
  • Mandorle. 

Questi ingredienti vengono bolliti in acqua, mescolati e scolati. Il liquido che ne deriva è chiamato sempre latte , mentre il valore nutrizionale cambia a seconda dell’ingrediente principale. 

In generale, il latte di soia di solito può sostituire il latte animale in quasi tutte le ricette perché somiglia a quello di mucca per il contenuto di grassi e proteine, mentre quello di mandorle o di riso è indicato per fare dolci visto che sono entrambi già dolci naturalmente. Il l atte vegetale è disponibile di diversi gusti e zuccherato e non. Spesso si trova fortificato con sostanze nutritive come vitamina B, D e calcio. 

Il latte di mandorle , con l’aroma delizioso e la consistenza cremosa, è ricco di proteine e perfetto nei dessert. Nella cucina siciliana il latte di mandorle è l’ingrediente principale di molte ricette e la sua versione dolcificata è la base per la gustosa e rinfrescante granita di mandorle . Il latte di cocco , proveniente dalla polpa del frutto amalgamata alla sua acqua, ha un’alta concentrazione di grassi naturali. Si usa per fare il cocktail Pina Colada ed è un ingrediente di vari piatti asiatici come il curry

Il latte di canapa non contiene sostanze psicoattive, anzi è ricco di omega 3 e 6 e di proteine ed è facilmente digeribile. Il latte d’avena mantiene molte delle proprietà della pianta: ha una grande quantità di proteine ed è un alleato del sistema immunitario. È perfetto anche per avere pelle e capelli luminosi.

Il latte vegetale più leggero e digeribile è senza dubbio il latte di riso . Adatto a chi ha allergie alimentari, in pratica non ha grassi e proteine, perciò non è consigliato per cucinare: non aggiunge cremosità ai piatti. Il latte di riso ha un gusto molto delicato, l’ideale come bevanda rinfrescante o insieme ai cereali a colazione.

Il più usato e diffuso, il latte di soia , si trova in commercio in tante varietà come al cioccolato, alla banana, alla zucca, all’orzo e persino al caramello. Spesso ha l’aggiunta di vitamine, calcio e magnesio, e il sapore varia a seconda della marca. È meglio scegliere il latte vegetale fatto con fagioli di soia biologici perché almeno in questo caso la soia non ha pesticidi e non è geneticamente modificata.