E' dolce come il latte vaccino, nutriente come quello di cocco e cremoso come quello di mandorle ma non è il celebre latte di soia... è il latte di PISELLI !

Si, hai letto bene, è un latte fatto a partire dai piselli, salutare e amico dell'ambiente. 

Per chi si avvicina all' alimentazione biologica/vegana questa non può che essere un'ottima notizia e per tutti gli altri, è l'ennesima novità da testare senza esitare; anche perché i benefici per la salute e per l'ambiente sono tanti .

Fino ad ora si pensava che i piselli, potessero servire solamente a confezionare pietanze salate e gustose, ma mai si sarebbe potuto immaginare che Adam Lowry , ricercatore statunitense, fondatore, tra l'altro, del sapone ecosostenibile Method , avrebbe trasformato questi  legumi altamente proteici , in latte vegetale per la colazione, affidandolo per la vendita, alla marca  Ripple .

PROPRIETA' DEL LATTE DI PISELLI

Per quanto possa sembrare strana questa idea, in fin dei conti non lo è affatto, in quanto i piselli posseggono una quantità di proteine pari a quella del latte vaccino, ma risulta essere meno calorico rispetto a quest'ultimo (75 calorie per tazza, contro le 86 del latte scremato nelle stesse quantità). Inoltre questo prodotto contiene una buona dose di calcio, omega 3 e soprattutto meno zuccheri rispetto al latte di mucca.

LATTE DI PISELLI VS ALTRI TIPI DI LATTE VEGETALE

Il confronto con il latte di mandorle e quello di soia è quasi naturale. Rispetto al primo, il latte di piselli avrebbe 35 calorie in più, ma, attenzione, ben 8 volte il suo apporto in proteine! In confronto a quello di soia invece, il latte di piselli ha solo 1 gr in più di proteine, ma molto più calcio e meno zuccheri. 

E potete stare tranquilli, il latte di piselli non avrà il loro sapore, mantenendo un gusto neutro e abbastanza insapore; né tantomeno avrà la tipica colorazione verde di questi legumi.

UN LATTE ECOLOGICO

Questo latte, oltre ad essere innovativo e originale , sembra presentare anche numerosi benefici per quanto riguarda la sua ecosostenibilità . La sua produzione infatti, permetterebbe di risparmiare fino al 99% di acqua in confronto alla quantità utilizzata per fare del latte vaccino, per il quale servono 1000 litri d'acqua per confezionare appena 1 litro di prodotto. 

L'impatto ambientale di questo particolare latte vegetale sarebbe addirittura inferiore a quello del latte di mandorla.

Insomma, se questo nuovo prodotto vi attira e sareste disposti a sacrificare il vostro latte abituale per sperimentare questo, dovrete aspettare un po' di tempo; si inizierà a vendere negli Stati Uniti soltanto a maggio e per l'Italia bisognerà aspettare!