Il Sesamo , scientificamente Sesamum indicum , è una pianta erbacea, originaria del Medio-Oriente, di cui consumiamo i semi.  

Avrete già sentito la celebre frase tratta da Le mille e una notte: ' 'Apriti Sesamo'' che fa proprio riferimento a questi semi che, arrivati a maturità, si schiudono per lasciare spazio a dei semini, piccoli e croccanti, che siamo abituati a mangiare nei tipici burger dei fastfood

In effetti, i semi di sesamo, contengono alcuni tesori ottimi per il benessere dell'organismo e sono per questo, tra i più consigliati per una dieta varia ed equilibrata, insieme a quelli di girasole, di chia o ai Semi di Zucca.

Se volete includerli nel vostro menu ma non sapete nè come usarli nè quali benefici portino realmente, siete nel posto giusto.

Esistono 2 tipologie di semi di sesamo : quello nero e quello bianco , probabilmente più conosciuto e facilmente reperibile nei supermercati. 

Scopriamo insieme tutte le proprietà dei semi di sesamo, i loro benefici per l'organismo e 3 ricette per poterli portare nella vostra tavola.

PROPRIETA' DEL SESAMO

Una fonte importante di calcio

Per chi ha bisogno di integrare importanti quantità di calcio nella propria alimentazione, evitando allo stesso tempo di alterare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, deve sapere che i semi di sesamo, sono una delle fonti vegetali di calcio più importanti che ci siano. Basti pensare che appena 100g di semi di sesamo, contengono tra gli 800mg e i 1000mg di calcio . Inutile dire che i benefici per le ossa e le articolazioni sono numerosissimi. 

Altre fonti importanti di calcio sono rappresentate da mandorle, fichi secchi, broccoli, spinaci e  quinoa.

Fosforo, Magnesio e Ferro

Nelle stesse quantità, il sesamo contiene anche 815 mg di magnesio , 470 mg di fosforo e 20,1 mg di ferro . Tutti elementi necessari per il buon funzionamento dell'organismo, ma particolarmente utili per ottimizzare le funzioni celebrali , la concentrazione, l'energia dell'organismo e un buon ciclo del sonno. 

Acido oleico contro il colesterolo cattivo e proprietà antiossidanti

Questi semi rappresentano inoltre una fonte importante di magnese, selenio e zinco. 100g di semi di sesamo, contengono inoltre il 25% della quantità giornaliera di acido folico . Senza contare che sono ricchi di acido oleico , importantissimo per ridurre i livelli di colesterolo cattivo e permettere la diffucsione di colesterolo buono nel sangue. Il sesamo contiene inoltre molte vitamine del gruppo B e ha proprietà antiossidanti e anticancro ; inibirebbe infatti lo sviluppo del cancro al colon, grazie all'acido fitico contenuto al suo interno.

Benefici per il sistema circolatorio e per l'apparato digerente

I semi di sesamo inoltre, aiutano il buon funzionamento del sistema cardiovascolare , tenendo sottocontrollo la pressione sanguigna . Sono perciò indicati per chi soffre di ipertensione, grazie al loro alto contenuto in lignani, una tipologia di fibre, utile tra l'altro, a proteggere l'invecchiamento del fegato. Stimolano la circolazione del sangue e contribuiscono a prevenire la formazione di placche nelle pareti arteriose. 

Altri benefici sono quelli per l 'apparato digerente ; i semi di sesamo contribuiscono in effetti a combattere ed eliminarei vermi intestinali.

Pelle e capelli

Oltre che per uso interno, i semi di sesamo, se trasformati in olio , possono essere impiegati per la cura della pelle e dei capelli . Questo prodotto è probabilmente reperibile in erboristeria o in qualche supermercato biologico. Potete usarlo su tutto il corpo o per fare impacchi ai capelli; un suo utilizzo è specialmente indicato per chi soffre di irritazioni al cuoio capelluto o forfora .

USARE I SEMI DI SESAMO NELL'ALIMENTAZIONE

Come conservare i semi di sesamo

Conservare in modo adeguato i semi di sesamo è necessario in quanto questi contengono molti oli che tendono a diventare rancidi, alterando così sapore e proprietà del sesamo. Conservarli è molto semplice, è infatti sufficente tenerli in un ambiente asciutto e chiusi ermeticamente in un contenitore di vetro o plastica. Con questi accorgimenti potranno durare fino a 3 mesi .

Come condimento

Se decidete di utilizzare l'olio di sesamo , questo può diventare un condimento ed essere usato al posto dell'olio d'oliva o di quello di semi. Si può perciò mettere a crudo per condire pasta o insalata e anche per oleare una padella o preparare pietanze più complesse. Se unite l'olio di sesamo ai semi e li tritate insieme, otterrete una crema , che è alla base della salsa tahin , tipicamente usata per accompagnare i falafel .

I semi di sesamo nel menù: regole generali

Il consiglio è quello di aggiungere i semi di sesamo alla vostra colazione , magari preparando un porridge di avena , una granola da aggiungere allo yogurt, o ancora delle barrette energetiche.

Per chi non ama particolarmente cambiare le proprie abitudini per la colazione, può aggiungere i semi di sesamo a pasta, riso e insalate , o ancora a dei secondi o contorni, tipo maki e sushi spezzatini di carne , cavolo e broccoli, oppure aggiungeteli nella panatura di carne e verdura.

Per chi ama invece preparare dolci o aperitivi originali, potete aggiungere i semi di sesamo a crackers, biscotti e pane.

Vediamo ora   3 ricette  per includere il sesamo nei nostri pasti:

Spezzatino di pollo con verdure e sesamo

Cosa serve per 4 persone

Per la marinata :

4 fettine di pollo (o 420g circa di pollo disossato)

2 cucchiaini di fecola di mais

2 cucchiai di vino di riso(opzionale)

1 spicchio d'aglio

1 cucchiaio di succo di limone

1 pizzico di peperoncino

1 pizzico di sale

1 pizzico di zenzero

1 cucchiaio di salsa di soia

Per l'accompagnamento:

5 funghi champignon

1 peperone verde

1 scalogno

2 cucchiai di semi di sesamo

1 cucchiaio di olio di sesamo

2 cucchiai di olio vegetale

Preparazione

Mettete in un contenitore tutti gli ingredienti per la marinata: il pollo tagliato a pezzettini, la fecola di mais, il vino di riso, uno spicchio d'aglio schiacciato, aggiungete anche il limone, il peperoncino, il sale, lo zenzero e infine la salsa di soia. Lasciate il tutto coperto e in frigorifero per circa 3 o 4 ore.

Nel frattempo fate tostare i semi di sesamo in una padella grande o in un wok, fino a quando non saranno dorati e metteteli da parte. 

Trascorse  le ore necessarie per la marinatura, scolate il pollo e scottatelo con l'olio di sesamo e quello vegetale in padella per qualche minuto, mettetelo poi da parte.

Nella stessa padella, fate cuocere a fuoco medio, i funghi tagliati a tocchetti, lo scalogno e i peperoni affettati a striscioline, aggiungete nuovamente il pollo. 

Una volta pronto, aggiungete i semi di sesamo precedentemente tostati e servite caldo.