Il sedano è da sempre presente nelle nostre cucine e viene utilizzato in molteplici modi tutti differenti fra loro: l’abbiamo quasi tutti in frigo e crudo è buono da sgranocchiare in qualsiasi momento; cotto invece dà un sapore delicato a insalate, zuppe e piatti saltati in padella. 

Eppure c’è chi dice che è noioso, insipido ed acquoso, senza tenere in considerazione tutte le qualità benefiche , compreso il basso apporto calorico di questa verdura (di sole 11 calorie per una tazza!)

Ecco le proprietà del sedano che vi faranno ricredere:

Il sedano possiede molte  sostanze nutritive,  infatti è un'ottima fonte di vitamina K, acido folico, potassio, molibdeno, fibre e fitonutrienti. In quantità inferiori, vitamina A, C, B1, B2 e B3. 

I benefici per la salute

Il sedano  previene  diverse forme di cancro, sclerosi multipla, allergie, malattie degenerative e migliora la memoria e l’apprendimento, grazie alla presenza di antiossidanti, flavonoidi e fitonutrienti. In secondo luogo, il  sedano  e i suoi  semi  abbassano la pressione sanguigna.

Le fibre consentono di tenere sotto controllo il colesterolo perché, invece di farlo assorbire tutto dall'intestino, permette di eliminarlo con le feci. I flavonoidi invece impediscono ai batteri intestinali che causano la gastrite di proliferare.

Da sempre usato come  erba curativa , c’è chi con il sedano ha curato la gotta, come James Duke, un etnobotanico. Il suo consiglio è di lasciare in infusione 1 cucchiaino di  semi di sedano  macinati al momento in 1 tazza di acqua bollente e bere l’infuso.

Un altro beneficio interessante gli viene attribuito quando lo troviamo sotto forma di estratto nelle creme per la pelle: infatti queste, una volta applicate,  possono allontanare  le zanzare . Inoltre, un estratto di semi di sedano protegge il fegato da alcune sostanze dannose.

Come conservare il sedano?

Per preservare le sue sostanze nutritive, tenetelo in frigo e usatelo  entro una settimana  circa dall’acquisto, tagliatelo prima di consumarlo e cuocetelo al vapore o arrosto invece di bollirlo.

Alcune eccezioni

Il sedano è considerato una tra le  verdure più allergeniche . Chi è allergico e mangia sedano può manifestare prurito alla gola, labbra gonfie e occasionalmente sintomi che mettono a rischio la vita. Quest’allergia è comune di solito in chi ne presenta una alla betulla e ad alcuni altri pollini.

Infine, è sempre meglio non mangiare troppo sedano crudo perché potrebbe influire negativamente sul funzionamento della tiroide.