Menù

Dieta HIV: Cosa mangiare e cosa evitare

Condivisioni
Leggi con attenzione

L’AIDS, o sindrome da immunodeficienza acquisita, è l’infezione scatenata dal virus HIV, o virus dell’immunodeficienza umana. Il contagio avviene attraverso i rapporti sessuali e lo scambio di sangue infetto, oppure da madre a figlio durante la gravidanza o con l’allattamento al seno.

Le persone infettate dal virus HIV sono circa 21 milioni in tutto il mondo, concentrate per il 90% circa nei paesi in via di sviluppo. Non si sa ancora con certezza se l’infezione HIV progredisca necessariamente in AIDS, ma quando ciò avviene la malattia attacca in profondità il sistema immunitario ed espone il malato a una serie di infezioni mortali.

Sintomi dell’HIV

sintomi hiv

Credits


Dopo un’infezione iniziale può comparire una lieve malattia febbrile con ingrossamento dei linfonodi che perdura alcune settimane. Possono non presentarsi altri sintomi per dieci anni o più. Dopo un certo periodo il virus provoca febbre, diarrea e dimagrimento. Altri possibili sintomi sono infezioni ricorrenti, cancro e malattie nervose come la demenza. 

La diagnosi di AIDS dipende da talune condizioni quali la presenza di una forma di cancro della pelle con formazioni rosso-bluastre (sarcoma di Kaposi). Alcune persone con AIDS conclamato rimangono a lungo in buone condizioni di salute.

Terapia convenzionale dell’HIV

Non esiste ancora di una cura definitiva né un vaccino contro l’HIV, ma i sintomi rispondono ai farmaci e alla radioterapia. Spesso si impiegano farmaci antiretrovirali per rallentare la degenerazione dell’AIDS e altri farmaci per combattere particolari problemi tra cui: micosi, parassitosi, infezioni e cancro.

Dieta consigliata per l’HIV

dieta per l'hiv

Credits


La dieta va valutata in base al grado di avanzamento dell’HIV. Una dieta equilibrata che sostenga il sistema immunitario all’insorgere di un’infezione può aiutare a limitare ulteriori problemi. La malattia conclamata necessita di cure specialistiche e di un valido sostegno nutrizionale. Prima di adottare misure alimentari,  è bene chiedere consiglio ad un dietologo. 

Nel complesso gli alimenti consigliati per lHIV sono:

  • Pesce, carne, pollame, frutta a guscio, semi, legumi, latte e latticini che forniscono proteine, necessarie ad evitare il dimagrimento. Nel corso delle infezioni è molto importante un corretto apporto proteico; 
  • Pane, patate, pasta, riso, avena, segale, bulgur e altri cereali garantiscono un buon apporto calorico, nonché di vitamine e sali minerali;
  • Frutta e verdura di ogni tipo vanno consumate in abbondanza per fornire vitamine, minerali e nutrienti a sostegno delle funzioni cellulari;
  • Pesci oleosi, frutta a guscio e semi devono rientrare nella dieta come fonte di grassi essenziali utili contro i processi infettivi;
  • Yogurt, minestre e piatti dalla consistenza cremosa o fluida sono utili per chi ha difficoltà a deglutire e dolori alla bocca a causa di infezione da Candida o sarcoma di Kaposi;
  • Piatti dall’aroma intenso e ben conditi possono piacere quando l’infezione da Candida altera la percezione dei sapori;
  • Bevande e spuntini frequenti ricchi di nutrienti aiutano nelle situazioni di metabolismo accelerato a causa di infezioni in corso;
  • Le bibite isotoniche sono utili per chi suda la notte perché aiutano a reintegrare i fluidi e i minerali.

Leggi anche: ecco perché dovresti mangiare due uova al giorno

Loading...

Gli alimenti da evitare nella dieta dell’HIV

alimenti da evitare hiv

Credits


Un dietologo provvederà a definire una dieta ricca della più vasta gamma possibile di nutrienti. In generale gli alimenti di scarso valore nutrizionale vanno sostituiti con alimenti nutrienti, ma occorrono poi misure specifiche in relazione ai singoli casi. Quelli indicati qui sono solo alcuni esempi di cibi che possono aggravare particolari sintomi:

  • Torte molto elaborate, fritti, salse, ripieni e cibi speziati possono aggravare nausea e vomito; 
  • I cibi speziati, salati o acidi sono controindicati nel caso di piaghe e dolore alla bocca;
  • I cibi molto caldi non sono graditi a chi ha una percezione alterata dei sapori.

Altri consigli per contrastare i disturbi dell’HIV

  • Si consigliano integratori che apportino le dosi giornaliere raccomandate di tutti i nutrienti; 
  • Chi fa fatica a deglutire può avere bisogno di integratori altamente energetici;
  • I pasti piccoli ma frequenti e i farmaci anti–nausea sono utili a bloccare nausea e vomito;
  • Si possono usare spray specifici per la bocca secca e stick per ammorbidire le labbra.

Una dieta il più possibile equilibrata è molto importante per una persona affetta da HIV/AIDS. Uno stato di malnutrizione, infatti, ha un effetto estremamente negativo sul sistema immunitario.

Leggi anche  Mela: 8 Incredibili Benefici Per La Salute
Loading...
loading...
Advertisement
Top