« Tesoro? Se esci prendi il pane vecchio per il cavallo e le anatre! »

No, al giorno d’oggi questa frase non avrebbe molto senso : i cavalli ormai sono quelli delle macchine, e le anatre al limite le trovi all’esselunga e non hanno più bisogno di pane (se non per la salsa...).

Quindi cosa ce ne facciamo di questo pane secco che non vogliamo buttar via?

« Viva la pa-pa-pa-pappa al po-po-pomodoro! »

La conoscete questa, eh?! Eh si, questa canzonetta innocente che svela in realtà miserie e povertà dell’Italia nell’anteguerra, ci dà qualche idea... siamo in fondo tornati nello stesso periodo di crisi economica, mescolata stavolta con un contorno di crisi ecologica alla salsa di dissesti sociali, il tutto servito ad una clientela sempre più golosa, critica e pretenziosa.

Torniamo quindi al nostro pane, non è che possiamo mangiare la pappa ogni giorno ragazzi!

Vi propongo adesso qualche ricetta e idea per utilizzare il vostro pane vecchio, senza aver l'impressione di essere diventati dei contadini (o magari sì, se vi piace!)

Il « Pain Perdu » :

Per ½ kilo di pane

  • 5 uova
  • acqua di fiori di arancio
  • Vaniglia
  • 150g di zucchero
  • Latte : più o meno 500ml (il pane deve essere immerso completamente)

Lasciare il pane secco dentro questa preparazione per almeno una notte.

Poi la mattina, prendete la padella, un bel pezzo di burro e fate caramellare il vostro pane da un lato e dall’altro !

Servitelo con ancora un po’ di zucchero sopra !

Mmmm… Evviva la colazione domenicale !

Il Pangrattato :

Semplicemente, potete fare il pangrattato, ma la semplicità puo’ anche essere un po’ sottile !

Cominciamo ad avere un po’ di erbe a diposizione. Qualche spezia c'è sempre nella dispensa. E ci sono anche i frutti secchi che non sappiamo mai come usarli… Quindi possiamo fare un bel pangrattato saporito e colorato !

Per esempio :

  • Pangrattato menta, mandorle cumino
  • Pangrattato basilico, anacardi pimento

Etc… Le combinazione sono infinite! Che bello!

« Pain Perdu » Salato :

Avete una salsa di pomodoro o il resto di zuppa ?

Aggiungete alla vostra mistura un po’ di latte di soya, mandorle, cocco, o cio’ che volete e buttate il pane dentro come il solito « Pain perdu » !

Aspettiamo ancora la magia della notte, e « voilà » !

Un colpo di padella, un po’ di formaggio sopra, l’insalata fresca vicino e abbiamo un bel pranzo !

Torta  :

Con la preparazione del « Pain Perdu » tradizionale, potete anche fare una torta.

Invece di grigliare il pane alla padella, ne fate una pasta dentro la quale potete aggiungere frutta, secca o fresca, cioccolato, farina di mandorle, etc… 30-45 min al forno (180°C).

È una torta un po’ morbida, pero molto buona ! Servita col gelato va benissimo !

 

Ripieno :

Con la preparazione del «  Pain Perdu » salato, questa volta si puo’ fare un ripieno.

Aggiungete pomodori secchi, pomodorini, aglio o uvetta (etc…) E andiamo con le melanzane, le zucchine o le cipolle  ripiene ! Si puo’ anche usarla con la carne (nel sedere del pollo va anche benissimo…)

 

Bon Appétit !