Menù

FIBRE: cosa sono, a cosa servono e come assumerle

Condivisioni
Leggi con attenzione

Parlando di cibo, si parla sempre di sostanze come i sali minerali, le vitamine, le fibre… insomma, tutte le sostanze che rendono i cibi degli ottimi alleati per la nostra salute. Si parla spesso di tanti elementi, ma troppo poco si sente parlare delle fibre, delle loro proprietà e di come integrarle nella nostra alimentazione.

Loading...
© Kerdkanno / Shutterstock.com - 339398558
Che cosa sono? 
Sono sostanze essenziali per il corretto funzionamento del nostro organismo ed, in particolare, dell’apparato intestinale e cardiaco. 

Quali sono i suoi benefici? 
Assumere la giusta dose giornaliera di fibre apporta molti benefici all’apparato intestinale ed a quello cardiovascolare in quanto esse: 
  • favoriscono l’assorbimento dei grassi in eccesso; 
  • evitano l’insorgere di problematiche cardiache; 
  • controllano i livelli del diabete; 
  • regolano la pressione sanguigna; contrastano la stitichezza; 
  • proteggono l’intestino da eventuali infiammazioni; 
  • preservano la flora batterica; 
  • mantengono il colon in salute. 

Quali sono i cibi ricchi di fibre? 
Data l’importanza di queste sostanze è, quindi, necessario assumerle mediante il cibo; vediamo nello specifico quali sono gli alimenti ricchi di fibre che, pertanto, dovrebbero essere consumanti quotidianamente: 

Avocado 
E’ un ormai noto frutto di origine esotica e dal sapore delicato e cremoso; è ottimo da consumare in insalata o sotto forma di salsa di accompagnamento per un buon apporto di fibre e tanto gusto. 

© MSPhotographic / Shutterstock.com - 146681096

Castagne 
Purtroppo si trovano solo durante la stagione autunnale; contengono adeguati livelli di fibre, ma la quantità di questo alimento deve essere limitata in quanto risultano farinose e potrebbero creare aria nello stomaco. 

Cereali integrali 
Avena, frumento, mais, orzo, riso, segale e sorgo nella variante integrale permettono all’organismo di assumere la giusta quantità di fibre atte a regolare il colesterolo nel nostro organismo. 

Bacche di Acai 
Piccole bacche simili ai mirtilli che contengono alti livelli di fibre. 

Carciofi 
Regolano l’attività intestinale grazie alla loro elevata quantità di fibre e, proprio per questo, sono tra gli alimenti che contengono maggior quantità di queste sostanze; depurano sangue e fegato. 

Carote 
Con il loro alto contenuto di fibre, controllano i livelli di colesterolo e riducono l’assorbimento degli zuccheri. 

Cavoli 
Tutti gli ortaggi appartenenti alla categoria dei cavoli, anche se non sono sempre apprezzati a causa del loro sapore molto forte, sono un buon contenitore di fibre. 

Lamponi 
Regolarizzano l’attività intestinale e sono consigliati alle persone che soffrono di stipsi o dissenteria. 

Legumi 
Essi sono ricchi di fibre, ma vanno consumati da soli oppure accompagnati con il giusto alimento; i soggetti con un intestino particolarmente delicato dovrebbero fare attenzione alle quantità di fagioli in quanto possono creare aria e gonfiore intestinale per cui è consigliato masticare molto lentamente e non abbondare con le dosi. 

Mandorle 
Contengono la quantità di fibre ideale per controllare la pressione e regolare l’assorbimento dei grassi. 

© Looker_Studio / Shutterstock.com - 304726619

Mele cotogne 
Proteggono l’intestino e le sue attività oltre a mantenere sotto controllo, per mezzo delle fibre, i livelli del colesterolo. 

Prugne secche 
Cotte o al naturale sono ottime per un corretto apporto di fibre, ma è consigliabile evitarne il consumo eccessivo in quanto potrebbero provocare gonfiore; sono ottime a colazione perché danno energia all’organismo. 

Qual è la giusta quantità da assumere? 
Il fabbisogno giornaliero delle fibre si aggira tra i venti ed i quaranta grammi al giorno, ma esso varia in base al peso ed all’età della persona in questione; particolare attenzione va prestata nel caso di bambini ed anziani. 

Ci sono alcune controindicazioni? 
Esse sono ottime per la salute dell’organismo, ma è sconsigliata l’assunzione (o quantomeno limitata) nel caso di persone soggette a colite o irritabilità intestinale; nel caso in cui si stiano assumendo farmaci per particolari patologie rilevanti, chiedete consiglio al vostro medico curante e seguite attentamente le sue indicazioni in quanto potrebbero creare delle interazioni indesiderate con tali farmaci. 

Ci sono particolari accorgimenti da sostenere? 
Non ci sono particolari accortezze relative all’assunzione delle fibre, ma si consiglia, durante la loro assunzione, di bere molta acqua in quanto esse ne assorbono molta; inoltre, si suggerisce di masticare il cibo lentamente in modo da facilitarne la digestione e l’assorbimento.


Leggi anche  Noci: benessere per il cuore e motore per il metabolismo
Loading...
loading...
Advertisement
Top