Menù

Proprieta dei fichi: il frutto che fa bene alla salute dei giovani e degli anziani

Shares
Read Carefully

Dall’aspetto tondeggiante, la consistenza un po’ floscia ed appiccicosa, i fichi sono da sempre associati a metafore riguardanti la bellezza estetica, pur non essendo propriamente quel che si definisce un frutto dalle forme perfette.

La loro perfezione deve quindi per forza essere racchiusa nella loro capacità di aiutare la salute sia di giovani che anziani, oltre che nell’efficace azione sulla bellezza femminile attenuando le rughe. Approfondiamo meglio le qualità dei fichi valutando anche le eventuali controindicazioni.

Fichi: proprietà e benefici per la salute

I fichi, come tutta la frutta, sono composti in gran parte di acqua (circa l’80%), hanno un elevato contenuto di sali minerali come ferro, potassio, magnesio, calcio (nello specifico il calcio aumenta la densità ossea e favorisce il giusto sviluppo nelle persone in giovane età,  ed il ferro è utile per coloro che sono affetti da anemia). 

I fichi sono ricchi anche di vitamine (A,B6,C, PP), per questi motivi possono essere quindi tranquillamente definiti integratori naturali.

I fichi sono completamente privi di colesterolo ed hanno antiossidanti e polifenoli in grado di contrastare la crescita tumorale. Contengono inoltre degli enzimi che agevolano il processo digestivo e l’assimilazione del cibo, conferendo ai fichi proprietà antinfiammatorie nei confronti delle mucose gastriche. I semini, insieme alle mucillagini, contenuti al loro interno rendono i fichi un frutto lassativo, particolarmente consigliato in caso di stitichezza o stipsi.

I Benefici dei fichi per la bellezza


Azione anti età

Come detto i fichi hanno un elevato contenuto di vitamina A, che combatte la degenerazione cellulare e contrasta i radicali liberi, principali responsabili dell’invecchiamento. Questo ovviamente si ripercuote sulla salute e l’elasticità della pelle del volto, la presenza di vitamina A quindi attenua le rughe rendendo il viso più giovane.

Trattamento di verruche e macchie della pelle

Il lattice che fuoriesce dalla buccia è ottimo per la cura di verruche e calli, oltre che per le macchie della pelle grazie alla sue proprietà caustiche. Sarà sufficiente tamponare la parte interessata con qualche goccia di lattice e coprire con un cerotto e ripetere l’azione 2 o 3 volte al giorno, prestate attenzione a non esagerare sia nelle dosi che nella frequenza delle ripetizioni proprio a causa dell’azione caustica che potrebbe provocare irritazioni.

Leggi anche: “come eliminare verruche e macchie della pelle con i rimedi naturali”

Preparazione di maschere esfolianti e per le occhiaie

Con i fichi è possibile realizzare della maschere per le occhiaie, frullate il frutto ed aggiungete qualche goccia di olio di mandorle, applicate e lasciate agire per 15 minuti;

Loading...

Per le pelli più mature è possibile preparare una maschera esfoliante, cuocete 3 fichi, aggiungete 1 cucchiaio di olio di oliva e mescolate bene in tutto fino a raggiungere la consistenza giusta per essere distribuita con facilità sul viso, applicate con delicati movimenti circolari per attivare il processo esfoliante e lasciate in posa per circa 15 minuti, quindi togliete la maschera con l’aiuto di una spugnetta bagnata.

I fichi sono utili anche in presenza di acne, sarà sufficiente ridurli ad un impacco ed applicare sulla zona interessata.

Fichi: Controindicazioni

I fichi hanno un elevato tasso zuccherino, sono dolcissimi e goduriosi per le papille gustative, il che li rende poco indicati, anzi sconsigliati, a chi soffre di diabete.

Tra l’altro i fichi fanno ingrassare per cui sono da evitare da coloro che seguono una dieta dimagrante, poiché le calorie dei fichi freschi corrispondono a 74 cal. ogni 100 g, mentre se si parla di fichi secchi  arrivano a contenere fino a 227 calorie per 100 g.

Curiosità sui fichi

Per gli induisti ed i buddisti i fichi rappresentano il simbolo della conoscenza e della verità.

L’albero del fico è legato a diverse tappe di queste religioni, come ad esempio l’episodio in cui il Principe Siddartha  Guatama  è diventato il Budda sotto l’albero del fico, pertanto i fichi troneggiano sempre sulle loro tavole imbandite.

Loading...
Advertisement
Top