Menù

PANE parte 1: confezionato o fresco? Come fare una scelta salutare !

Shares
Read Carefully

La ricetta classica del buon pane fresco è davvero molto semplice: acqua, farina (di diverso tipo in base al tipo di pane che vogliamo ottenere), lievito di birra e sale.
Ma pane confezionato, imbustato, o quello da autogrill, mantiene la stessa ricetta?
Possiamo paragonarlo anche alla classica piadina?
Scopriamo insieme le piccole insidie delle etichette nutrizionali per fare delle scelte ottimali e salutari per il nostro benessere.

Il PANE, alimento tanto amato dagli italiani e protagonista d’eccellenza sulle nostre tavole, rappresenta uno degli alimenti più conosciuti e consumati al mondo. 

Rivisitato spesso nella sua ricetta, rimane sempre un alimento molto energetico, ricco di zuccheri complessi, con un basso profilo proteico e un altalenante profilo di grassi.
© beornbjorn / Shutterstock.com - 144151477

La sua poliedricità nel ritrovarlo sotto forma di: 
pane fresco e semplice da panificio, le cui varianti possono essere diverse: integrale, bianco, di kamut, ai cereali, ecc eccc..; 
© Moving Moment / Shutterstock.com - 275453543

 pane morbido, super-lucido, dal colore chiaro e dal gusto dolce/salato il cui gusto fa impazzire il palato….e le nostre papille gustative!!
 Per intenderci, è il classico accompagnatore per hamburgher;  o pane all’olio, al burro, al latte; 

© Mocha.VP / Shutterstock.com - 253921777




pane imbustato: che coinvolge tutta la tipologia di pancarrè per tramezzini, pane confezionato morbido (vedi anche quello per celiaci)  o il classico da autogrilll; 

© Ratikova / Shutterstock.com - 371883367



 brioche, piadine/pizze.

Consente alla tecnologia alimentare, di sbizzarrirsi nelle le sue ricette, trasformando un valido valore nutrizionale ad uno pessimo, trasformandolo in alimento  spesso consumato velocemente in fast-food, o in viaggio, o durante i pic-nic. 
Come non menzionare i classici tramezzini veloci da gita fuori porta? 



3 sono le cose fondamentali da sapere e ricordare quando bisogna scegliere il pane

1) il pane confezionato non è mai una scelta salutare, poichè per mantenere la sua morbidezza, la ricetta è carica di grassi (saturi, quindi nocivi. Strutto, burro, margarina vegetale e non-), additivi, e sale o esaltatori di sapidità, che sollecitano le papille gustative facendole letteralmente “impazzire” . 

Loading...
Leggi anche  Peperoncino: proprietà e benefici, non solo "piccanti".

NB**: gli esaltatori di sapidità, coprono i “brutti sapori” e/o la scarsa qualità della materia prima, cosi da”modificare” la chiave di lettura delle papille, che trasmettono segnali al nostro cervello, facendoci “innamorare” di quel gusto, cosi da richiamarne voracità e voglia di mangiarne ancora.

© Yeko Photo Studio / Shutterstock.com - 155340647

2) il pane morbido sazia poco!
Non fatevi abbindolare dalle scritte “ai cereali” o “integrale“, perché di fibre esiste solo un accenno, così come di cereali.
La sazietà arriva molto tardi (dopo magari 2 bei panini carichi di hamburgher e salse) cosi come la fame arriverà più velocemente: i grassi hanno un tempo di digestione molto più breve rispetto alle proteine. 
Se per un petto di pollo impiegate 4-5 ore per digerirlo, per un hamburgher impiegherete la metà! 

3) tutti i panini che trovate in giro si conservano per settimane!
Sono panini confezionati in “ATMOSFERE PROTETTE” , ovvero microclimi ottenuti mediante sottrazione di aria e immissione di gas come azoto, anidride carbonica e ossigeno che impediscono l’attività batterica e quindi la formazione di muffe.
Il vostro panino sarà servito in autogrill o fast-food già privato dell’involucro, ma in alcuni banconi frigo possiamo ritrovarli confezionati con le relative etichette.

DA NOTARE: lunghezza dell’etichetta? LUNGHISSIMA e piena di sigle !!

Cosa c’è davvero all’interno di un panino confezionato? 
E come scegliere quello giusto per mangiare sano anche quando si è fuori casa? 
Per scoprirlo, segui la seconda parte di questo articolo! 

Dott.ssa Valeria Crea
Esperta Nutrizione e Dietetica

Loading...
loading...
Advertisement
Top