Quando si decide di adottare una dieta ipocalorica si cerca sempre di seguire alla lettera lo schema alimentare che abbiamo scelto. Ci sono alcune sagge regole che ormai tutte conosciamo, e che ci mettono in guardia dalle diete che ci privano completamente di un determinato alimento, o che ci affamano .

La dieta ipocalorica più classica che si possa decidere di seguire è quella che si basa sul calcolo della calorie : all’inizio del nostro percorso dobbiamo stabilire qual è il nostro fabbisogno calorico giornaliero .

Fonte: unadonna.it

Il fabbisogno calorico giornaliero, infatti, non è uguale per tutti , in quanto dipende da molti fattori. Dipende dall’età, dallo stile di vita, dal sesso, da quanto movimento siamo soliti fare. Quindi una dieta deve sempre essere personalizzata .

Il segreto poi sta nel dare al nostro corpo meno calorie del suo fabbisogno , in modo che esso si trovi costretto ad attingere alle nostre riserve di adipe. Allo stesso tempo però non gli dobbiamo far mancare i valori nutrizionali necessari per mantenerci in buona salute.

Sembra tutto terribilmente complicato, ma al giorno d’oggi, grazie a numerose app che possiamo scaricare sul nostro smartphone, le cose si fanno più semplici. In ogni momento abbiamo letteralmente a portata di mano uno strumento che ci dice quante calorie contiene ogni alimento del nostro piano alimentare in modo tale che ci possiamo regolare, distribuendo equamente quelle che abbiamo a disposizione.

Fonte: india.com share

Attenzione però: molto spesso si fa confusione tra “razione giornaliera consigliata” e porzione di cibo da poter mangiare in un regime ipocalorico. Spieghiamoci meglio.

Loading...

Ormai su tutte le confezioni di cibo si trova la  “razione giornaliera consigliata” : si tratta in pratica della quantità di quel cibo di cui i nutrizionisti dicono il nostro corpo ha bisogno in una giornata . Alcuni credono che questa sia anche la porzione da assumere: ma non è così .

La porzione di ogni cibo che tu devi assumere dipende da te, dal tuo fabbisogno calorico, e va combinata in base agli altri pasti e alimenti che consumi in un giorno. Se la porzione consigliata è di 100 grammi, ad esempio, potrebbe darsi il caso che tu ne debba mangiare molti di meno, o magari di più!

Come fare allora per regolarsi meglio sulle porzioni di cibo da consumare? Il consiglio è quello di basarsi non tanto all’ammontare di calorie per “porzione”, ma considerare a quanti grammi ammonta la porzione suddetta.

Fonte: health.com share

Detto questo, ecco cosa devi fare per dimagrire :

  • specie all’inizio della dieta, pesa sempre i tuoi alimenti . Più avanti diventerai brava a fare anche ad occhio, ma all’inizio meglio essere svizzeri e consumare solo i grammi che ci sono concessi;
  • usa piatti e bicchieri graduati , li puoi trovare in commercio su internet. Ti aiuteranno, anche visivamente, a modulare meglio le porzioni di alimenti che ti servi;
  • prediligi sempre piatti piccoli , si riempiono prima e ti aiutano a controllare meglio il quantitativo di ciò che mangi.

Con il tempo imparerai a regolarti con le porzioni a colpo d’occhio, e provare a fare a meno della bilancia sostituendola con la tua mano seguendo questo piccolo schema: 

Tutto questo può sembrare un po’ faticoso, ma è solo questione di abitudine . In breve per te diventerà automatico e sarai in grado di bilanciare perfettamente le calorie che ti servono e così potrai perdere peso senza dover fare sacrifici eccessivi.