I cheloidi sono cicatrici anomale, dovute ad una eccessiva produzione di tessuto fibroso durante il processo di cicatrizzazione di una lesione cutanea. 

La lesione può essere secondaria ad una abrasione, ad un trauma cutaneo ad esempio i piercing, all' acne , ad una incisione chirurgica o ad una ustione e quando il cheloide si forma, risulta essere più esteso ed evidente rispetto ad una normale cicatrice .

Fortunatamente esistono modi diversi per prevenirne la comparsa e ridurne l'inestetismo. Oltre alle tante preparazioni farmacologiche che si trovano in commercio, è possibile sfruttare le proprietà esfolianti , abrasive ed emollienti di alcuni ingredienti naturali che se utilizzati con costanza, possono aiutare a raggiungere risultati soddisfacenti.

Rimedi naturali per prevenire o trattare i cheloidi:

Aceto di mele

Massaggiare la zona interessata con aceto di mele, fino a quanto non sia completamente assorbito, offre  un notevole aiuto per ridurre la comparsa dei cheloidi. 

Può essere usato puro o diluito con acqua - metà acqua e metà aceto di mele - nel caso in cui la lesione sia localizzata in una zona delicata. Applica l'aceto di mele sulla lesione, aspetta che si asciughi e ripeti l'operazione più volte. Esegui questo lavaggio 2- 3 volte al giorno per 4-5 settimane.

Copyright: Africa Studio/shutterstock share

Bicarbonato di sodio

Le proprietà curative naturali di questo ingrediente sono note a tutti. 

Il bicarbonato esplica una notevole azione abrasiva ed esfoliante e grazie a queste virtù è particolarmente indicato anche per i trattamenti estetici. Nel caso dei cheloidi, contribuisce a ridurne la comparsa.

In una ciotola mescola una parte di bicarbonato di sodio e tre parti di acqua ossigenata fino ad ottenere un composto omogeneo simile ad una pasta.

Applica il preparato sulla zona in cui è presente la lesione per ridurre l'infiammazione e facilitare il processo di guarigione.

Ripeti questa procedura 3-4 volte al giorno.

Succo di limone

Il succo di questo agrume è molto ricco di vitamina C , grande alleata della salute e il benessere della pelle.

L'utilizzo costante  del limone per il trattamento dei cheloidi  favorisce l'incremento dell'elasticità della pelle e contribuisce in breve tempo ad un notevole miglioramento dell'aspetto e della consistenza della lesione.

Applica prima di andare a letto il succo di un limone direttamente sulla zona interessata dalla lesione.

Lascia agire per 30 minuti e poi sciacqua con acqua tiepida. Ripeti questo trattamento ogni notte.

Copyright: Robert Przybysz/shutterstock share

Aloe vera

Le proprietà di questa pianta sono conosciute fin dall'antichità. 

L' aloe vera  esplica infatti numerosi benefici per la cura di molti disturbi e per il benessere della pelle.

La sua azione lenitiva, rigenerante e antibatterica rende l'uso dell'aloe una scelta d'elezione per il trattamento dei cheloidi, proteggendo la pelle dalle infezioni.

Estrai il gel e applicalo direttamente sulla lesione, dopo aver ben deterso e asciugato la zona interessata. 

Legno di sandalo e acqua di rose

Il legno di sandalo ha virtù rigenerative e aiuta a mantenere la pelle giovane e compatta, mentre l'acqua di rose, con le sue proprietà tonificanti ed elasticizzanti, contribuisce a mantenerne la consistenza.

Mescola questi due ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo e solido. Pulisci il cheloide e prima di andare a letto, applica la pasta e lasciala in posa fino alla mattina seguente, e sciacqua con acqua tiepida.

Ripeti questa procedura ogni giorno per circa due mesi.

Copyright: Sophie James/shutterstock share

Aglio 

L'aglio tra le tante proprietà naturali, rappresenta un grande alleato per il benessere della pelle e per il trattamento dei cheloidi, in quanto agisce direttamente sulla produzione dei fibroblasti responsabili della loro formazione.

Strofina delicatamente uno spicchio d'aglio schiacciato sulla cicatrice, per 10 minuti.

Al termine sciacqua la zona con acqua tiepida. Ripeti questa procedura ogni giorno.

Anche se i cheloidi non rappresentano un pericolo per la  salute , a parte rari casi in cui limita la funzionalità locale, chi si trova ad averli li percepisce come un importante inestetismo e psicologicamente fa fatica ad accettarlo. 

Tuttavia prima di ricorrere a trattamenti costosi ed invasivi, che non sempre garantiscono la totale risoluzione del problema, in quanto possono ripresentarsi delle recidive , vale la pena provare con i rimedi naturali .