Capita molto di frequente che, al risveglio, mani e piedi siano gonfi e dolenti. Nulla di più facile dato il caldo di questo periodo.

Questa situazione è dovuta ad un aumento del volume del liquido interstiziale, cioè la zona che si trova intorno alle cellule che costituiscono i tessuti. Questo accade quando i vasi sanguigni o i vasi linfatici riversano troppo liquido all’interno di questi tessuti o quando gli stessi liquidi non riescono a tornare ai vasi  generandone un accumulo. Da qui il nostro gonfiore.

Essendo un argomento che interessa a molte persone, essendo davvero più comune di quanto si pensi, vogliamo suggerirvi 5 piante in grado di aiutarvi veramente nella battaglia contro la ritenzione idrica :

1

Orthosiphon Benth

Questa pianta medicinale è in grado di favorire la rimozione dell'acqua ed eliminare anche il cloruro di sodio. Tutto questo è reso possibile se si assume molta acqua. Non sono stati indicati effetti collaterali o interazioni con altri farmaci. Inoltre, è molto efficace ed i suoi effetti si notano immediatamente. Il formato di utilizzo che dà maggiori risultati è sotto forma fluida.

2

Equiseto dei Campi

E' una pianta erbacea perenne che funge da leggero diuretico e, per questo, può essere utilizzata per periodi prolungati. Da molto tempo viene utilizzata sotto forma di tisana per aiutare la diuresi e combattere il sovrappeso. Nelle persone soggette ad ipertensione o gravi malattie cardiache, i diuretici devono essere usati con grande cautela. 

3

Verga d'Oro Comune

La parte fiorita di questa pianta erbacea, oltre ad essere un potente diuretico, ha forti proprietà ipotensive, antisettiche ed antinfiammatorie. La forma più efficace è la tintura. Nelle persone con insufficienza cardiaca o renale, l'uso di diuretici è sconsigliato a meno che non sia prescritto da un medico. Le donne in stato di gravidanza o in fase di allattamento non devono farne uso. 

4

Tarassaco

Abbiamo già parlato delle numerose proprietà del tarassaco. Questa pianta ha, comunque, diverse funzioni tra cui proprio quella di eliminare i liquidi. Ne è sconsigliato l'utilizzo nel caso di problemi biliari o ulcere peptiche in quanto può causare problemi gastrici con iperacidità. Non usare durante la gravidanza, l'allattamento o nei bambini.

5

 

Pilosella

Tutta questa pianta erbacea viene usata tradizionalmente come diuretico in quanto funge da stimolatore, favorendo l'eliminazione di cloruri, acido urico ed urea. Fate attenzione se siete soggetti ad abbassamenti di pressione in quanto potreste abbassarla ancora di più con la sua assunzione.

Prima di assumete qualunque di queste piante, che trovate in ogni erboristeria ben fornita, chiedete consiglio al vostro medico curante che saprà indicarvi la soluzione più adatta a voi.

Ora non avete più scuse: sapete come combattere in maniera del tutto naturale la ritenzione idrica e mantenere il salute il vostro corpo!