Quando si parla di salute e di cura delle malattie bisogna sempre fare molta attenzione al sottile limite che corre tra verità e menzogna : ci sono tante teorie che si pongono al di fuori delle scienze ufficiali che ci attirano, a cui ci rivolgiamo fiduciosi di poter guarire, o di far guarire una persona a noi cara , ma a cui non sempre è giusto prestare orecchio.

Vero è anche che molte delle cure “ufficiali”, quelle che vengono comunemente impiegate per debellare una malattia, o per tenerla sotto controllo, spesso sono molto costose e in buona parte subiscono le pressioni delle lobby delle case farmaceutiche.

Come districarsi in questa fitta giungla che ha come oggetto il nostro benessere e le nostre stesse vite? Il modo migliore consiste nell’ informarsi a fondo su ciò che la scienza ha scoperto e provato .

Fonte: publishyourarticles.net

Una delle malattie che più funestano i nostri tempi moderni è il tumore . Il tumore, che si può verificare a carico di diversi organi del corpo umano, è definito “malattia incurabile” perché ancora non se ne conoscono con esattezza le origini . L’unica “cura” che si conosca ad oggi consiste nella rimozione chirurgica del male, seguita da chemioterapia o radioterapia.

Queste terapie sono molto costose e devastanti per chi le subisce : pur distruggendo le cellule cancerose finiscono anche per danneggiare anche altri organi e per diminuire notevolmente la qualità della vita dell’ammalato. Da sempre, perciò, si cerca una cura alternativa.

Negli ultimi anni si è affermata una teoria che si basa sul grado di acidità e alcalinità del nostro corpo . Diversi studi hanno provato che le cellule cancerose proliferano in un ambiente acido , mentre quello proprio del corpo umano è alcalino. Detto in altri termini, il pH del sangue (la scala che misura i livelli di acidità o alcalinità di una sostanza) deve essere al valore di 7.365 per essere ottimale.

Fonte: www.airc.it share

Molti credono quindi che sia un elevato livello di acidità del sangue, legato ad una cattiva alimentazione o ad altri fattori, a favorire lo sviluppo del cancro . Per prevenirlo, dunque, è necessario mettere in atto interventi che mantengano bassa l’acidità del corpo. Uno di questi rimedi è il bicarbonato di sodio .

Il bicarbonato di sodio, assunto oralmente o usato per fare un bagno, ha il potere di contrastare l’acidità grazie al suo livello di pH di 9.0. Aumenta l’ossigenazione del sangue (le cellule tumorali proliferano in ambienti anaerobici) e disintossica l’organismo.

Nel 2009 uno studio condotto presso il Cancer Center dell’Università dell’Arizona ha dimostrato come l’uso del bicarbonato di sodio su cavie a cui erano state iniettate delle cellule cancerogene ne garantisse una sopravvivenza più elevata rispetto ad un altro gruppo a cui non veniva somministrato il bicarbonato di sodio.

Fonte: stylecraze.com share

Può dunque un rimedio tanto semplice come il comune NaHCO3 prevenire e curare il “male del secolo”, il cancro?

Ciò che cautamente si può affermare è che è certo , dati scientifici alla mano, che l’assunzione di bicarbonato di sodio aiuti un cancro già in atto, anche con metastasi, a degenerare in modo più lento, senza avere alcuna controindicazione. Circa il suo potere di prevenzione sussistono ancora molti dubbi.

Alcuni medici, a partire dall’italiano dottor Simoncini, suggeriscono comunque una regolare assunzione di bicarbonato, tenendo comunque sempre sotto controllo i livelli di pH dell’organismo attraverso la saliva e le urine.

Il bicarbonato può essere assunto preparando questa semplice bevanda . Mescola il succo di due limoni con un cucchiaino di bicarbonato di sodio : si creerà una reazione frizzante. Poi versa mezzo litro di acqua e bevi al mattino, a stomaco vuoto, o almeno 30 minuti dopo i pasti.

Di certo il bicarbonato proteggerà il tuo organismo; se anche non è certo che possa difenderti dall’insorgenza di un tumore, non potrà farti che bene!