Si parla di stitichezza o stipsi quando l’ intestino non si svuota  con regolarità oppure si svuota con difficoltà, quando cioè le feci sono poco emulsionate e dure da richiedere uno sforzo maggiore per essere espulse.

Le cause che determinano la stipsi possono essere di diversa natura e nella maggiorparte dei casi questo disturbo non è indice di patologie importanti, se non quando assieme alla stitichezza si associano altri sintomi ad esempio la presenza di sangue o muco nelle feci , l’alternanza con episodi di diarrea , vomito o dolore addominale persistente. Se la stitichezza si protrae per più di due settimane è consigliabile consultare un medico.

Più banalmente la mancata emissione delle feci è spesso dovuta al tipo di alimentazione, spesso carente di fibre, di frutta e verdura, ad uno stile di vita sedentario o al contrario troppo frenetico che ci costringe molte ore fuori casa dove risulta essere complicato soddisfare lo stimolo dell’evacuazione e dove il consumo di pasti fugaci e poco sani non favorisce sicuramente i movimenti intestinali

Anche un cambiamento repentino di abitudini personali può influire sulla regolarità intestinale:  a tutti sarà capitato durante una vacanza di non riuscire ad andare di corpo e di dover ricorrere all’uso di lassativi o di rimedi naturali.

Una cosa è certa: la stitichezza va contrastata poichè oltre al rischio di cronicizzazione provoca molti fastidi come gonfiore addominale,costipazione, nausea e alitosi.

Come fare per ristabilire la regolarità delle funzioni intestinali?

E’ sconsigliabile l’ uso ripetuto di lassativi in quanto come tutti i farmaci non sono privi di effetti collaterali, ma è preferibile intervenire principalmente sull’alimentazione, sull’attività fisica, su alcune abitudini personali finalizzate alla prevenzione della stitichezza e sull’assunzione di alcuni ingredienti   naturali che favoriscono il transito intestinale e l’evacuazione.

Uno dei rimedi naturali più antichi contro la stitichezza  è l’uso dell’ olio di oliva come lassativo, ma non è gradevole consumarlo assoluto soprattutto a stomaco vuoto . Tuttavia è possibile combinarlo con altri ingredienti per renderlo più appetibile e accrescerne gli effetti contro la costipazione .

5 rimedi contro la stitichezza realizzati combinando l’olio di oliva con altri ingredienti

Olio di oliva assoluto

Per facilitare l’ espulsione delle feci e combattere la stipsi assumi a digiuno un cucchiao di olio di oliva al mattino e alla sera due ore dopo cena, fin quando non avrai evacuato.

Loading...

Olio di oliva e succo di arancia

Se non riesci a consumare l’olio di oliva assoluto, aggiungine un cucchiaio dentro un bicchiere di succo d’arancia senza zucchero e bevilo al mattino a digiuno. Unirai i benefici dell’olio di oliva ad una buona dose di vitamina C.

Olio di oliva e limone

Mescola un cucchiaino di succo di limone con un cucchiaio di olio al mattino a digiuno: oltre a trattare la costipazione in modo naturale ti offrirà una  piacevole sensazione di freschezza.

Olio di oliva e frutta

Consumare la frutta lontano dai pasti principali fa bene e soprattutto al mattino può rappresentare una valida alternativa alla colazione tradizionale. Subito dopo aver assunto a stomaco vuoto un cucchiaio di olio di oliva, mangia un frutto ricco di fibre, come una mela, un’arancia o una pera. Continua in questo modo nei giorni a seguire, fino a quando la stitichezza non si sarà risolta.

Latte e olio di oliva 

In caso di stitichezza prolungata il rimedio naturale più efficace tra quelli sopra descritti è la combinazione tra latte e olio d’oliva. Mescola un cucchiaio di olio in una tazza di latte caldo e bevilo a digiuno. Gli effetti sono immediati.