Sappiamo bene quanto le erbe possano essere benefiche per il corpo. Eccone una che forse non conoscete, il rooibos . Vediamo che cos’è e cosa comporta per l'organismo berla sotto forma d’ infuso.

Che cos’è?

Il rooibos cresce esclusivamente nelle montagne del sud Africa e su un arbusto alto circa 90 cm, con foglie simili a quelle del pino. Anche se quasi tutti gli infusi disponibili in commercio sono, per via della fermentazione naturale e del fatto che il rooibos viene fatto seccare, di colore rosso scuro, le foglie sono verdi e da qualche parte si trova non fermentato e per questo più ricco di antiossidanti.

Non è famoso quanto il tè verde o il mate , però ha altrettanti benefici, se non di più. È per natura senza caffeina , un po’ dolce e delizioso con un vago gusto di miele e di rose. Passiamo ora alle sue numerose proprietà.

Antiossidanti e polifenoli

I polifenoli sono dei composti noti per la l’azione antiossidante. L’ infuso di rooibos ha fino al 50% in più di polifenoli e antiossidanti del tè verde. Gli antiossidanti proteggono dai danni dei radicali liberi e di conseguenza sono un’arma di prevenzione contro il cancro.

Sostanze nutritive

È un’ottima fonte di minerali come:

  • Calcio
  • Ferro
  • Potassio
  • Rame
  • Zinco e 
  • Magnesio.

In molte parti del mondo, l’infuso di rooibos viene consumato per avere ossa, pelle e capelli sani. Inoltre, i minerali che contiene lavorano insieme per essere assorbiti dal corpo: il magnesio facilita l’assorbimento di calcio, il rame dello zinco e di altri.

Quercetina

Contiene 1,5 mg di quercetina a tazza che, com’è stato dimostrato, previene alcuni tipi di tumore.

Assorbimento del ferro

Spesso il rooibos viene consigliato in gravidanza e agli anemici perché aiuta ad assorbire il ferro e altre sostanze nutritive.

Privo di caffeina

Non ha caffeina, quindi è una bevanda perfetta se volete evitare questa sostanza oppure se non potete bere caffè o tè. Ha anche pochi tannini che alcune persone non sopportano, esattamente come succede con la caffeina. È proprio l’assenza di tannini a renderlo un po’ meno amaro dei tè. 

Acido ossalico

È contenuto in tè, cioccolato e certa frutta e verdure come quelle a foglia verde crude. Quando il corpo funziona a dovere, elimina questa sostanza con l’urina, però può unirsi a minerali e contribuire alla formazione di calcoli renali, urinari e altri problemi. Chi soffre di condizioni del genere deve evitare il tè, invece l’infuso di rooibos è sicuro perché non ce l’ha.

Crisoeriolo

Questo composto migliora la circolazione , quindi cuore e pressione sanguigna traggono beneficio dall’ infuso di rooibos .

Sonno

Il rooibos agisce sul sistema nervoso centrale e fa rilassare. È un valido aiuto in caso d’insonnia.