La pianta di olivo è molto diffusa nel bacino del Mediterraneo ed è nota soprattutto per i suoi frutti, le olive, dalla cui spremitura si ottiene l'olio, condimento principe delle nostre tavole. 

Forse non tutti sanno, però, che anche le foglie dell'olivo possono essere utilizzate, poiché possiedono molte virtù benefiche

Questo era ben noto agli antichi: non a caso nella Bibbia l'olivo è definito " albero della vita ". 

In Egitto le foglie di questa pianta erano usate a scopo medicamentoso; in Grecia lo stesso Ippocrate, che viene considerato il fondatore della moderna scienza medica, suggeriva di usare le foglie di olivo per curare moltissime patologie.

Proprietà e benefici delle foglie di olivo

Giungendo ai giorni nostri, è stato dimostrato come le foglie di olivo davvero possiedano proprietà curative. Studiosi dell'Università di Granada, ad esempio, hanno dimostrato come il loro estratto riesca a rilassare le pareti arteriose : questo giova a chi soffre di patologie cardiache o di ipertensione . Inoltre serve anche a diminuire i livelli di zucchero nel sangue, quindi è utile ai diabetici, o a chi è a rischio di ammalarsi di questa patologia. 

All'Università di Milano invece hanno scoperto che all'interno delle foglie di olivo è contenuta una sostanza che si chiama " oleuropeina " che ha parecchie proprietà: combatte le infezioni batteriche, aiuta a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo, ed è un potente antiossidante. 

Non sono però solo queste le virtù delle foglie di olivo: messe in infusione aiutano a combattere anche infezioni micotiche , servono come diuretico e lassativo , oltre che vermifugo. 

Il decotto invece è un vero toccasana per chi soffre di emorroidi, perché serve a lenire il fastidio in caso di infiammazione acuta. Nel decotto si può mettere anche la corteccia della pianta, che aiuta a cicatrizzare le ferite.

L'estratto che si ottiene dalle foglie di olivo può coadiuvare la cura anche di malattie gravi, come il cancro e l'AIDS ; permette di curare le infezioni vaginali e la candida, ed anche malanni più comuni come il raffreddore e l'influenza. 

Tutto questo è dovuto principalmente alle sue virtù antibatteriche che gli permettono di combattere le infezioni. 

Come si prepara l'infuso di foglie d'olivo?

Per realizzare l'infuso di foglie d'olivo e poter godere degli innumerevoli benefici che apporta al nostro organismo, è possibile utilizzare sia le foglie fresche che essiccate.

Utilizzate per ogni litro d'acqua, una grande quantità di foglie (100-150 foglie fresche) e se utilizzate quelle essiccate la quantità si riduce di 1/3 rispetto alle foglie fresche.

Le foglie di olivo organiche possono essere acquistate nelle erboristerie più fornite o su internet.

Lavate le foglie accuratamente lasciandole per qualche minuto immerse in una soluzione di acqua e bicarbonato e successivamente sciacquatele bene.

Mettete le foglie in acqua e lasciate bollire per circa un quarto d'ora, filtrate (le foglie andranno buttate) e conservate l'infuso in una bottiglia di vetro in frigorifero.

Si consiglia di assumerne 2-3 cucchiaini durante i pasti tutti i giorni.

Se preferite potete anche consumare l'infuso appena preparato per un paio di settimane consecutive.

Per conferire all'infuso un sapore più gradevole sentitevi liberi di aggiungere succo di limone o miele.

Il suo sapore un po' pastoso, ma il suo profumo è molto rilassante: non a caso il ramo d'ulivo è simbolo di pace!

Come per ogni rimedio naturale, non ci sono particolari controindicazioni nell'utilizzo delle foglie di olivo, sia in infuso che in decotto, o sotto forma di estratto. In ogni caso però  è sempre bene consultare il proprio medico di base  prima di usarle, perché si potrebbe avere un'intolleranza a qualche principio attivo in esse contenuto.