Menù

5 fiori dalle proprietà curative

Condivisioni
Leggi con attenzione

Le proprietà curative delle piante sono note fin dal tempo dei romani: per il mal di testa veniva somministrato un infuso di corteccia di salice, che oggi chiameremmo comunemente aspirina! Ancora oggi molti medicinali vengono estratti da piante, radici o fiori, come la digitale, una medicina importante per il cuore….attenzione però a non lasciarsi andare al fai da te e a fare sempre riferimento ad un buon erborista di fiducia: vi ricordo che l’oppio e i suoi successivi derivati vengono estratti dal frutto del papavero.

Può essere utile e dilettevole però sapere che comuni fiori che crescono nei nostri giardini hanno specifiche proprietà ed utilizzi per malanni e acciacchi.

ARNICA  

L’arnica è un bellissimo fiore giallo che cresce nelle nostre montagne. Pomate e unguenti di questa pianta hanno poteri antiflogistici, cioè alleviano ematomi e dolori causati da traumi e cadute. È utile anche per lievi scottature della pelle e se acquistato in grani (piccole pastiglie a base zuccherina) può essere assunto come antinfiammatorio per i dolori articolari.

Attenzione a non mangiarlo crudo perchè la sua tossicità può provocare gastriti e vomito

 © Chirva / Shutterstock.com - 199541117


 BIANCOSPINO

E’ una pianta che facilmente possiamo vedere in molti dei nostri boschi. È caratterizzata da una fitta fioritura bianca che lascia poi spazio ad altrettante bacche rosse.

Viene chiamata la “pianta del cuore” perchè trova principalmente utilizzo per chi ha problemi di pressione ed è un ottimo cardiotonico. Poichè agisce sulle vene, rilassandole ed aiutandole a dilatarsi, è utile anche per curare stati ansiosi che portano palpitazioni e tachicardia. E’ praticamente privo di effetti collaterali, se usato nelle giuste dosi.

 

© Scisetti Alfio / Shutterstock.com - 276427466


CALENDULA  

E’ una pianta caratterizzata da un fiore arancione e da petali leggermente pelosetti. Fa parte della stessa famiglia dell’arnica, e infatti anche da questi fiori si ricavano pomate e unguenti che alleviano rossori, scottature, punture di insetti e favoriscono la rigenerazione dei tessuti in presenza di ferite.

Leggi anche  Stitichezza: come preparare un lassativo naturale per evacuare regolarmente

Oltre a questo, la calendula è anche un buon cardiotonico, e se assunto in pastiglie favorisce la cura delle ulcere, rivestendo lo stomaco di un muco protettivo.

© Vahan Abrahamyan / Shutterstock.com - 138125510


 LAVANDA 

Loading...

La lavanda è un arbusto che cresce in molti luoghi del nostro paese, caratterizzato da una fioritura viola dal profumo intenso e penetrante. Le sue proprietà sono note fin dall’antichità poichè anche questo fiore è un lenitivo della pelle e un calmante delle infiammazioni del corpo (gola, naso, apparatto rirpoduttivo). Si dice che per far passare un mal di testa lancinante basta sfregare alcune gocce di olio essenziale sulle tempie per trovare subito sollievo.

Il suo potere lenitivo funziona anche a livello emozionale, ecco quindi che diventa un ottimo alleato per favorire il rilassamento durante massaggi e sedute di training autogeno. Per poter sfruttare anche noi in maniera semplice i suoi benefici effetti, basta sistemare un mazzetto dei suoi fiori in casa: avremo subito l’idea di essere in un campo fiorito in una fantastica giornata  di primavera inoltrata.

 

© Subbotina Anna / Shutterstock.com - 109351595


CARDO MARIANO

Il cardo mariano è un arbusto che fa parte della macchia mediterranea, possiamo quindi trovarlo in tutte quelle regioni d’Europa che si affacciano sul Mar Mediterraneo. Ha un fusto spinoso e produce, in estate,  un fiore molto particolare e assai affascinante caratterizzato da un acceso color viola tendente al fucsia.

Proprio i suoi fiori vengono utilizzati per estrarre una sostanza chiamata silimarina, che è di grande aiuto al fegato. Essa infatti aiuta la rigenerazione dei tessuti epatici, protegge dai danni di sostanze tossiche come l’alcool ed ha un forte potere antiossidante.

L’unica avvertenza è che questa sostanza può avere anche effetti lassattivi e creare un po’ di irritabilità in alcni soggetti predisposti.

 

 

 © Scisetti Alfio / Shutterstock.com - 200294399

Loading...
loading...
Advertisement
Top