Comunemente di associa il problema della ritenzione idrica con la cellulite , dunque con un inestetismo di cui soffrono in prevalenza le donne. In effetti la cellulite è una delle conseguenze più evidenti della ritenzione idrica, che però è una patologia da non trascurare e di cui bisogna sempre indagare le cause .

Per   ritenzione idrica ” si intende quel fenomeno per cui nel nostro corpo si accumulano liquidi negli spazi presenti tra le cellule , con conseguenti gonfiori ed edemi diffusi. Di solito questo avviene perchè ci sono problemi a livello circolatorio o di apparato linfatico . Le zone maggiormente colpite del corpo sono i fianchi, le cosce e i glutei, le caviglie e i polpacci, ma anche mani e piedi, e il viso.

Fonte: http://healinglifeisnatural.com share

Ciò che è maggiormente preoccupante è che, con il ristagno di questi liquidi, nel nostro corpo si accumulano anche tossine nocive che possono alterare il metabolismo cellulare. Alle cellule non arriva il nutrimento necessario, e questo alla lunga può condurre all’insorgere di malattie e disfunzioni, ad esempio a carico dei reni.

Bisogna però specificare che esistono diversi tipi di ritenzione idrica, in quanto le cause scatenanti possono essere molteplici. La ritenzione idrica detta secondaria si lega a malattie a carico del cuore, del fegato o dei reni e quindi si manda via curando la malattia specifica; c’è poi la ritenzione idrica legata al’uso di certi farmaci e la ritenzione idrica circolatoria , che può portare anche alla formazione delle vene varicose. 

Infine, la ritenzione idirca più diffusa è quella legata allo stile di vita. Se fai un lavoro sedentario e pratichi poco sport, se mangi abbondando con l’uso di sale e bevi poca acqua è probabile che tu soffra di ritenzione idrica. A volte ti senti gonfio e grasso, ma in realtà quello che avverti è solo l’accumulo di liquidi nel tuo corpo.

Un’ alimentazione ricca di grassi e povera di fibre può condurre a soffrire di ritenzione idrica. Per questo curare un po’ di più ciò che si mette in tavola e certe abitudini, non solo alimentari, può essere di grande aiuto per combattere questo fastidioso problema.

Loading...

Ecco allora cinque suggerimenti , cinque piccole regole da seguire per smaltire i liquidi in eccesso e sentirsi subito meglio.

Per prima cosa devi bere molta acqua, almeno otto bicchieri al giorno. Può sembrarti un paradosso che per liberarti dai liquidi in eccesso tu debba consumarne in quantità! Ma l’acqua ha un effetto depurativo sull’organismo , aiuta ad eliminare le tossine e a far funzionare correttamente il circolo linfatico.

Fonte: beautyhealthtips.in

Proprio non ce la fai a trangugiare tanta acqua se non hai sete? Prova con le tisane , calde o fredde.

Mangia tanta frutta , ma fai attenzione: molta frutta contiene elevati livelli zuccherini e quindi non è indicata per chi soffre di ritenzione idrica. I tipi di frutti che devi prediligere sono i kiwi, le fragole, l’ananas e il melone. 

Fonte: servingjoy.com share

Poi devi mangiare anche tanta verdura , evitando quella con i maggiori contenuti di sodio e preferendo quelle che hanno un effetto diuretico , ad esempio le carote, le cipolle, le zucchine . In generale devi prediligere gli alimenti che contengono vitamina B6 , che favorisce l’espulsione dei liquidi. Ne sono ricchi il fegato, il limone, tutti i legumi e i cereali integrali.

Fonte: dentaltipsforall.com share

Non eliminare del tutto i carboidrati dalla tua dieta, ma consuma solo quelli più utili per lo smaltimento dei liquidi, vale a dire quelli di tipo integrale .

Fonte: jonzedesign.com share

Infine, fai un po’ di sano movimento : cammina almeno per 45 minuti al giorno . Camminare attiva i muscoli, aiuta la circolazione e fa espellere i liquidi e le tossine attraverso il sudore.

Fonte: rd.com share

Con i ritmi frenetici della vita contemporanea non è facile rispettare queste regole, ma è importante almeno provarci, per il bene della nostra salute e anche per avere un aspetto fisico migliore!