Provare una sensazione di tristezza di tanto in tanto è una situazione normale nella vita di tutti i giorni, ma essere affetti da depressione è una cosa molto diversa. Essa infatti, può causare una serie di sintomi, sia emotivi che fisici , che persistono al punto di influenzare la vita quotidiana di una persona.

La depressione è una malattia comune: secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, in tutto il mondo, circa 350 milioni di persone di età diverse ne soffrono.

Le persone soggette a depressione vivono sensazioni di tristezza, disperazione, solitudine e disinteresse per le cose che una volta, invece, amavano. Tutti questi sentimenti possono interferire con la capacità della persona ad agire correttamente e hanno un effetto drammatico sulla qualità della loro vita.

Mentre la maggior parte delle persone è a conoscenza di questi sintomi emotivi, i sintomi fisici correlati alla depressione vengono spesso ignorati perché sovente si commette l’errore di non collegarli a questa malattia.

Per comprendere la depressione, è necessario anche essere a conoscenza dei segnali fisici attraverso i quali si manifesta . Ciò può contribuire a formulare una diagnosi certa, oltre che ad un trattamento tempestivo.

8 segnali fisici della depressione 

Perdita o aumento di peso

La depressione influenza gli ormoni che regolano l'appetito sia stimolandolo che inibendolo.

Così anche i disturbi del sonno, legati spesso alla depressione, possono causare squilibri metabolici tali da determinare una sensazione di fame incontrollabile e aumento di peso.

Secondo uno studio, le persone depresse sono più soggette al rischio di obesità rispetto alle persone non depresse, specie nelle donne e durante l’età adolescenziale.

Dolori

A volte, il dolore muscolare o articolare può essere associato alla depressione. Quando si soffocano le proprie emozioni o non si riesce ad esternarle, l’organismo può arrivare a somatizzarle sotto forma di dolori in varie parti del corpo. 

Studi recenti, hanno messo in evidenza che i pazienti con un disturbo depressivo e/o ansioso grave avvertono più dolori di natura cardio-respiratoria rispetto alle persone che non soffrono di tali disturbi. 

Allo stesso modo il dolore alla schiena è un sintomo abbastanza comune nelle persone affette da ansia e disturbi legati all'umore. Ciò accade perché in genere, le persone depresse tendono ad  isolarsi. Tale condizione conduce ad una maggior rigidità muscolare che provoca dolore proprio in questa zona del corpo.

Disturbi gastrici e intestinali

Esiste una forte connessione tra alcuni disturbi che interessano l’apparato gastro intestinale  – cattiva digestione, gonfiore addominale, costipazione, intestino irritabile - e depressione. 

Questo è dovuto al fatto che l'intestino è particolarmente sensibile agli sbalzi d'umore, essendo un organo in stretta connessione con il sistema nervoso centrale, dal quale riceve una forte influenza.

Sappiamo tutti che la carenza di serotonina causa depressione, ma forse è meno noto il fatto che la maggioparte della serotonina (il 95%) viene secreta dalle cellule enterocromaffini dell’intestino.

E’ proprio la serotonina infatti a dare il via al riflesso della peristalsi attraverso la quale avviene la corretta digestione degli alimenti, nonchè a ’comunicare’ al cervello il senso di sazietà o di nausea, che in condizioni fisiologiche ci trattiene dal continuare a mangiare.

In caso di infiammazione intestinale (per esempio intestino irritabile e costipazione) si registra una notevole riduzione della serotonina dovuta ad un enzima che ne inibisce la produzione, e ciò porta di conseguenza alla depressione.

A tal proposito è emerso da alcuni studi  che alcune condizioni psicologiche come la depressione possono essere il risultato, piuttosto che la causa, di disturbi gastrointestinali, come la sindrome dell'intestino irritabile. 

Inoltre, l'ansia ed i disturbi depressivi sono associati sia alla sindrome del colon irritabile che alla colite ulcerosa. L'associazione tra questi disturbi psicologici e gastrointestinali suggerisce anche che una malattia gastrointestinale cronica potrebbe influenzare il comportamento psicosociale di una persona.  

Disturbi del sonno

La depressione può causare una vasta gamma di sintomi collegati all'insonnia, tra cui difficoltà ad addormentarsi (insonnia da insorgenza del sonno), difficoltà a dormire (insonnia da mantenimento del sonno) e sonnolenza diurna.

La depressione si accompagna spesso ad una mancanza di energia ed una sensazione di stanchezza travolgente. Di conseguenza, la depressione influenza anche i ritmi del sonno.

Emicrania

Molto simile ad un dolore cronico, i mal di testa e le emicranie possono essere sintomi legati alla depressione. Il legame tra depressione e mal di testa è ancora più forte nelle persone che presentano emicranie con aura , ovvero nelle persone che vedono lampi o scintille durante un attacco emicranico.

 Alcuni ricercatori hanno recentemente sostenuto che esiste una specifica associazione tra la depressione e le emicranie con aura: coloro che sono affetti da questo tipo di emicrania hanno maggiori probabilità di soffrire di depressione rispetto alle persone che hanno emicranie senza aura.

Problemi della pelle

Gli ormoni dello stress sono dannosi per la pelle. La depressione è associata ai livelli elevati del cortisolo (l'ormone dello stress), quindi, è comune notare disturbi cutanei di diversa entità, nelle persone affette da depressione. Nei casi più gravi può manifestarsi eczema, psoriasi ed acne.

 Dolore toracico

Il dolore toracico è un sintomo ben noto legato ai problemi cardiaci. Quello che molte persone non sanno è che il dolore al petto è strettamente legato alla depressione e viceversa.

La depressione infatti, può influenzare i ritmi cardiaci , aumentare la pressione sanguigna ed incrementare la secrezione di insulina e del cortisolo.

Alcuni studi affermano che il mal funzionamento del sistema nervoso è una condizione molto diffusa tra gli individui depressi . Inoltre, le persone affette da depressione, moderata o grave, corrono quattro volte in più il rischio di morte precoce e raddoppiano il rischio di essere ospedalizzati rispetto alle persone che non sono depresse.

Scarsa salute orale

La depressione può anche  peggiorare la salute di denti e gengive. Questo è principalmente dovuto alla mancanza di auto accudimento che si verifica proprio con la depressione.

I ricercatori hanno osservato che la depressione e l'ansia sono associati alla perdita dei denti dovuta prevalentemente ad una significativa riduzione dell’igiene orale, secondaria agli stati depressivi.