Sono molte le persone che soffrono di dolore al tallone a causa di un lavoro che le costringe in piedi per molte ore oppure perché la muscolatura del piede non è ben allenata e, di conseguenza, poco flessibile. 

Quello che si può fare per alleviare il dolore è prestare molta attenzione alla sua cura , oltre ad eseguire degli esercizi mirati. 

In questo modo il dolore non peggiorerà e dopo qualche giorno di riposo sarà possibile riprendere le normali attività quotidiane, salvo ovviamente complicazioni o interessamento di altre strutture funzionali.

Il dolore al tallone (talalgia) è generalmente dovuto ad una infiammazione della  spina calcaneare, un ispessimento della membrana fibrosa che collega il calcagno alle falangi del piede.  

Questa struttura sostiene tutto il piede e gli trasmette la forza necessaria per camminare.

L’esordio del dolore è generalmente lieve, ma se il processo infiammatorio non viene trattato tempestivamente può diventare talmente intenso da ridurre notevolmente la funzionalità del piede.

Alcuni pazienti indicano che il dolore più intenso si avverte di solito al mattino quando ci si alza , ma anche il semplice camminare o svolgere attività fisica, influiscono negativamente sulla risoluzione della sintomatologia dolorosa.

Quali sono i fattori di rischio della tallonite?

Non esiste una causa specifica che determina l’infiammazione del tallone, tuttavia è possibile evidenziare alcuni fattori predisponenti.

Questa patologia può essere sintomatica di piccoli traumi, ma anche l’infiammazione del tendine di Achille può dare origine alla tallonite.

Altri fattori che possono portare alla comparsa di questo disturbo doloroso possono essere il sovrappeso, l’obesità, attività particolarmente intense, alcuni sport che richiedono particolari sforzi al piede e calzature troppo alte o troppo basse. 

Come affrontare i sintomi?

I sintomi principali della tallonite sono dolore e difficoltà di movimento che possono essere alleviati con una terapia medica adeguata (fisioterapia, antinfiammatori o infiltrazioni). Esistono, però, anche alcuni esercizi per contrastare i sintomi della tallonite. 

Oggi vi proporremo 5 esercizi semplici ed efficaci che contrasteranno il dolore al tallone :

Esercizio 1  Posare le mani su un tavolo, flettere un ginocchio e stendere l'altro applicando una certa rigidità. Puntare in avanti come se voleste spingere il tavolo per allungare i muscoli del polpaccio della gamba rigida. Mantenere la posizione per 1015 secondi.

Esercizio 2  – Sedersi su una sedia e sollevare il piede dolorante, appoggiarlo sulla tibia dell'altra gamba e fare su–giù con il piede lentamente per diminuire il dolore

Esercizio 3  – Posizionare un asciugamano sul pavimento e cercare di avvicinarlo con le dita dei piedi. Questa attività di allungamento allevierà il dolore e diminuirà l'infiammazione. Per rendere l'esercizio più efficace, è possibile posizionare un oggetto un po’ pesante sull'asciugamano.

Esercizio 4  – Per eliminare correttamente il dolore al calcagno, procurarsi una pallina da tennis e metterla sotto il piede. Quindi, svolgere dei movimenti circolari a mo’ di massaggio per rilassare il tallone e la pianta.

Esercizio 5  – È possibile accelerare ulteriormente il processo di guarigione utilizzando una piccola bottiglia di plastica piena di acqua precedentemente congelata. Posizionate la bottiglia fredda a terra e poggiarvi sopa il piede. Ora dovete solo muovere il piede avanti ed indietro in modo da massaggiare il piede e rinfrescare la parte infiammata. 

Il dolore al calcagno può essere alleviato anche seguendo alcuni accorgimenti :

  • utilizzare i plantari in silicone che attutiscono l'urto quando si cammina,  evitando dolore;
  • fare impacchi di ghiaccio per sgonfiare la zona in modo da trovare sollievo dal dolore, ma assicuratevi sempre di isolare la pelle dal ghiaccio con dei panni in cotone;
  • fare un bagno con acqua calda e sale prima di dormire per combattere dolore ed infiammazione;
  • ridurre l'attività fisica non appena il dolore appare;
  • se si è in sovrappeso, regolare l’alimentazione per perdere peso;
  • indossare scarpe appropriate che supportino il peso e riducano l’impatto durante la camminata;
  • non camminare a piedi nudi perché questo aumenta il dolore in quanto il tallone non ha alcun supporto che ammortizzi l'impatto.

Vi ricordiamo, comunque, di rivolgervi sempre al vostro medico per poter individuare il problema e, di conseguenza, trovare la soluzione più adatta a voi.