Noi donne siamo abituate a fare i conti con gli squilibri ormonali , che si ripercuotono soprattutto sul nostro umore e causano tanti piccoli e grandi fastidi fisici specie nel periodo delle mestruazioni, in gravidanza o in menopausa. 

Gli ormoni vengono prodotti dalle ghiandole endocrine e servono a trasmettere dei “messaggi” ai vari organi del corpo. Gli ormoni che “comunicano” con l’apparato riproduttivo della donna sono detti estrogeni , l’ormone maschile si chiama invece testosterone .

Quando il livello degli ormoni sessuali non è ottimale si possono verificare molti problemi , perchè la “comunicazione” del nostro organismo non avviene in modo corretto, e questo accade alle donne ma anche agli uomini.

Può accadere infatti che un uomo abbia dei livelli troppo alti di estrogeni e troppo bassi di testosterone. Come si fa a capirlo? Questo squilibrio porta dei sintomi, soprattutto il calo del desiderio sessuale ma anche l’aumento di peso, un’apatia innaturale, la perdita dei capelli. A lungo andare le conseguenze possono essere anche patologie gravi: osteoporosi, cancro alla prostata, diabete e malattie cardiovascolari.

Fonte: www.wellvit.it share

Se si ha il sospetto che il livello del testosterone è troppo basso è necessario correre dal medico per sottoporsi a test specifici per  verificare se davvero le cose stanno così. Il medico poi provvederà a prescrivere la cura necessaria, ma ci sono dei rimedi che chi soffre di testosterone basso ed estrogeni elevati può adottare in autonomia.

Si tratta di rimedi naturali legati all’ alimentazione che aiutano il corretto equilibrio ormonale e che possono aiutare le altre terapie farmacologiche ad avere risultati più efficaci. Ecco quali sono le tre sostanze che curano gli squilibri ormonali.

ZINCO

Fonte: blog.iafstore.com share

Lo zinco è un minerale che svolge molte funzioni importanti nel corpo: ad esempio aumenta la produzione di dopamina, che aiuta a combattere gli stati depressivi. Lo zinco serve anche a ripristinare i corretti livelli ormonali. Lo si può assumere mangiando ostriche, alimenti fermentati e assumendo tanti cibi proteici , quindi carne e pesci grassi come il salmone.

VITAMINA D

Fonte: www.inran.it share

Il nostro corpo produce vitamina D quando viene esposto al sole , ma anche quando mangiamo il pesce, il burro, le uova, il fegato. Gli scienziati dicono che per ripristinare i giusti livelli di testosterone bisogna assumere almeno 5000 UI (Unità Internazionale) di vitamina D al giorno; è quindi possibile ricorrere anche agli integratori .

FIBRE

Fonte: www.benesserecorpomente.it share

Le fibre servono soprattutto a diminuire i livelli di estrogeni troppo elevati, poichè permettono la disintossicazione dell’organismo favorendo il transito internazionale. Le fibre si trovano in tanti cibi, ad esempio nei legumi, nella frutta come la mela, nelle verdure come i carciofi. Inoltre andrebbero preferiti quegli alimenti ricchi anche di acido folico , come i cavolfiori, gli asparagi, le uova, gli agrumi.

Quello che mangiamo influenza molto la nostra salute : persino i livelli ormonali, mantenere i quali in equilibrio è fondamentale per il nostro benessere, tanto degli uomini che delle donne!