L’ incontinenza urinaria è un problema molto diffuso tra le donne di cui non ci si deve assolutamente vergognare. Soprattutto, n on ci si deve rassegnare a convivere con esso, in quanto esiste il modo di curarlo.

L’incontinenza non è una patologia solo ed esclusivamente femminile, ma è molto più comune tra le donne per via della particolare conformazione del loro apparato genitale. Di solito si crede che le perdite urinarie siano tipiche dell’età avanzata, ma non è così : possono capitare ad ogni età.

Una donna può avere perdite di urina dopo il parto, dopo un notevole sforzo fisico, dopo uno starnuto o una grande risata. Infine anche la menopausa porta spesso, come conseguenza, l’incontinenza. Ma perchè accade che, ad un certo punto, non siamo in grado di controllare lo stimolo ad urinare?

COME FUNZIONA LA VESCICA

Per capire meglio il problema e come risolverlo, è necessario capire anche come funziona la vescica e l’apparato urinario femminile. Qui sotto puoi vederne un disegno che indica le varie parti.

Fonte: www.gianlucaitaliano.com share

La vescica è un muscolo a forma di palloncino al cui interno si raduna l’urina. Quando la vescica si deve svuotare, il cervello, tramite le connessioni neuronali, manda un impulso ai muscoli dell’ uretra, che è il canale tramite il quale l’urina fluisce all’esterno.

A chiudere o aprire l’uretra sono gli sfinteri , dei muscoli a forma di anelli: sono loro a ricevere gli impulsi nervosi. La vescica viene ospitata in una culla di fasci muscolari detta “pavimento pelvico”.

PERCHE’ SI SOFFRE DI INCONTINENZA

Quando gli impulsi nervosi non riescono più a comunicare correttamente con l’uretra , ecco che si soffre di incontinenza. L’incontinenza però può anche essere causata da un rilassamento dei muscoli che compongono l’apparato urinario, in particolar modo del pavimento pelvico.

Altre cause possono essere degli interventi chirurgici che hanno leso tessuti vicini alla vescica, oppure condizioni di stress che causano la cosiddetta vescica iperattiva, ovvero uno stimolo continuo ad andare in bagno, tanto che alle volte non ci si riesce a trattenere.

Fonte: www.gianlucaitaliano.com share

COME SI PUO’ CURARE L’INCONTINENZA

Siccome è un problema imbarazzante, molto spesso le donne ci convivono munendosi di assorbenti e si rassegnano a tale stato. Questo però non è giusto: ci sono infatti tanti modi per curare l’incontinenza, a seconda del suo grado di gravità e della sua causa.

Se il motivo è da rintracciare nel rilassamento del pavimento pelvico, si può ovviare con un’opportuna terapia riabilitativa . Questo è possibile dopo il parto, ma anche in menopausa, se l’incontinenza non è troppo marcata.

Esistono poi terapie farmacologiche , da concordare con il proprio medico, che riducono l’impulso ad urinare, e infine, nei casi più seri, si può ricorrere a tecniche di chirurgia mini invasiva molto efficaci, che danno un a ripresa quasi del 100% delle funzionalità della vescica.

Insomma una donna può tornare a godersi la vita senza dover sopportare il suo “imbarazzante” problema: basta solo informarsi e confidarsi con il proprio medico di fiducia.