Menù

7 cose che forse non sapete sull’artrite

Shares
Read Carefully

Tantissime persone soffrono di artrite, circa una su cinque. Il problema è che, anche se avete quest’infiammazione articolare, magari non sapete cosa vi fa male, soprattutto se continuate a rimandare la visita medica o non fate niente per proteggervi. Ecco quindi 7 cose che non sapete sull’artrite

1. La parola “artrite” comprende più di 100 problemi articolari 
Rispecchia una moltitudine di condizioni ma c’è da dire che ci sono due grandi categorie di artrite
  • Degenerativa 
  • Infiammatoria. 

La prima riguarda l’usura e gli strappi a livello delle articolazioni, la seconda l’infiammazione che causa il danno. Esistono diversi fattori di rischio ma quello genetico e ambientale giocano un ruolo fondamentale. 

2. Non succede solo agli anziani 

L’artrite non colpisce solo gli anziani. Non è una malattia legata all’età, visto che anche molti bambini ne sono affetti. Se siete giovani e sentite dolore, avete gonfiore o rigidità a un’articolazione, fate comunque un controllo. 

3. L’artrite può interessare qualsiasi punto, dalla testa alle dita dei piedi 

Non sono solo le ginocchia quelle che vengono colpite ma qualunque articolazione. L’osteoartrite, che riguarda il degrado della cartilagine in un’articolazione, di solito per stappi e usura, in genere colpisce il collo, la parte inferiore della schiena, le ginocchia, i fianchi e le mani. 

L’artrite reumatoide invece è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario attacca le articolazioni, causando dolore e gonfiore, ed è più probabile che riguardi polsi, mani, collo e spina dorsale. Infine la gotta comincia comunemente con dolore e gonfiore all’alluce ma può progredire fino alle anche o alle ginocchia. 

4. Il sovrappeso è uno dei fattori di rischio principali 

L’obesità comporta un grosso stress per le articolazioni, che perciò si danneggiano e subentra l’osteoartrite. In più, il grasso in eccesso provoca alterazioni infiammatorie in tutto il corpo. Perdere peso può migliorare la situazione e la risposta ai trattamenti, perché purtroppo è più difficile reagire bene alle medicine se si è in sovrappeso. 

Loading...

5. Certe lesioni aumentano il rischio di sviluppare l’osteoartrite 

Qualunque sia la lesione, per via dello sport, una caduta o un altro incidente, può distruggere i meccanismi o l’integrità di una determinata articolazione, il che accresce la possibilità di avere l’artrite degenerativa nel corso del tempo. Qualunque trauma significativo può portare a un’infiammazione cronica nella zona interessata. 

6. Il fumo può far venire l’artrite reumatoide 

Non si ancora bene perché, ma le tossine presenti nelle sigarette in qualche modo alterano le funzioni immunitarie e aumentano il rischio di avere questa malattia. E se ce l’avete già e continuate a fumare, peggiorate solo la situazione, mentre smettere permette addirittura di ridurre il rischio o di rendere il disturbo più gestibile. 

7. C’è un legame fra l’artrite reumatoide e le malattie cardiache 

Fino a 30 anni fa, chi soffriva di artrite reumatoide viveva in media 10 anni in meno, soprattutto perché sviluppava una cardiopatia. Dal momento che l’artrite è un’infiammazione, rende più vulnerabili all’infiammazione delle arterie e all’aterosclerosi. Per fortuna, nel corso degli ultimi anni i trattamenti hanno fatto passi da gigante, quindi in teoria è molto più difficile avere malattie cardiache per via dell’artrite e si può condurre una vita normale. 

Leggi anche  Donne in salute: gli screening per fascia di età
Loading...
loading...
Advertisement
Top