Menù

Laringite negli adulti e bambini: cause, sintomi e trattamento

Shares
Read Carefully

La laringite è un’infiammazione della laringe, un organo posto alla radice della lingua. Questo organo svolge due importanti funzioni: genera la voce, facendo vibrare le corde vocali al passaggio dell’aria e impedisce al cibo di entrare nella trachea. L’infiammazione della laringe può essere di origine virale o batterica oppure essere causata da sostanze irritanti o da un uso scorretto della voce.

Laringite negli adulti

Esistono due tipi di laringite: quella acuta e quella cronica. La laringite acuta dura qualche giorno, mentre quella cronica per un periodo di tempo decisamente più lungo.

Laringite acuta

La laringite acuta è solitamente provocata da un’infezione causata da virus. Talvolta potrebbe essere la conseguenza di un’allergia (polline, medicinali ecc), in questo caso, il disturbo appare tutte le volte che si entra in contatto con la sostanza allergizzante. Le altre cause della laringite acuta possono essere:

  •  una prolungata esposizione a: freddo, vapori irritanti, inquinamento, aria condizionata;
  • l’abuso di alcol e fumo;
  • malattie infettive (sopratutto in età infantile).

La laringite acuta si manifesta con un dolore e una sensazione di fastidio alla gola, in particolar modo quando si cerca di ingoiare qualche alimento o la saliva, raucedine, difficoltà a parlare, tosse secca e stizzosa. Capita anche che si hanno non poche difficoltà a respirare. Molto spesso, la laringite si presenta in concomitanza al raffreddore, alla tracheite, alla faringite o alla bronchite. In questi casi si possono presentare anche febbre e catarro.

Laringite cronica

Se il motivo che causa questo disturbo non viene rimosso, dopo diversi attacchi acuti di laringite, quest’ultima può diventare cronica. La forma cronica di solito è dovuta a un prolungato uso della voce ed è caratterizzata principalmente da:  

  • raucedine;
  • tosse persistente;
  • disfonia;
  • alterazioni della sensibilità della laringe. 

Può succedere che nei casi di laringite cronica il dolore alla gola non compaia, ma si avverte unicamente un pizzicore alla gola accompagnato da tosse. In questo caso, le difficoltà respiratorie sono rare. Sulle corde vocali delle persone che sforzano la voce continuamente, potrebbero formasi delle piccole escrescenze che la rendono rauca. 

Cause della laringite

Le cause della laringite acuta possono essere date da: infezione, danno o trauma alla laringe (a volte definito laringite meccanica). Il tipo più comune d’infezione associata alla laringite acuta è un’infezione virale (raffreddore, influenza), mentre, tra le infezioni virali meno comuni associate alla laringite acuta troviamo: morbillo, parotite, virus varicella Zoster. Tipi più rari d’infezione comprendono: infezioni batteriche e infezioni da fungo (candida o aspergillosi). 

Tra le cause della laringite cronica: il fumo (un’esposizione prolungata al fumo di tabacco può causare un’infiammazione cronica della laringe), l’abuso di alcol (l’etanolo contiene molte impurità che possono irritare la laringe), disturbo del reflusso gastro-esofageo (l’acido dello stomaco può causare l’infiammazione e l’irritazione della laringe), reazioni allergiche a sostanze come polvere, fumi, agenti chimici e tossine.

Leggi anche  Il gruppo sanguigno influenza molti aspetti della nostra vita, scopri quali sono!

Trattamento 

In caso di laringite acuta, la terapia prevede:

  • inalazioni caldo-umide con preparati balsamici;
  • farmaci antinfiammatori e contro la tosse;
  • antibiotici quando è presente un’infezione batterica;
  • cortisone nei casi in cui sia presente un edema laringeo;
  • nelle forme soffocanti si può ricorrere alla tracheotomia (apertura di emergenza della trachea).

In caso di laringite, la terapia è prescritta caso per caso; in genere, però, è bene eliminare ogni elemento irritante. Se la perdita della voce dura più di una settimana è opportuno rivolgersi nuovamente al medico.

Loading...

Leggi anche: i benefici del kefir

Laringite nei bambini

I bambini con laringite al di sotto dei tre anni hanno prima un raffreddore e poi una tosse stizzosa, a timbro metallico, voce roca e febbre. La difficoltà respiratoria di solito inizia in modo improvviso durante la notte e peggiora nelle prime ore del mattino, di solito dalle due alle sei. Il suono del respiro può essere simile a un fischio (stridore) e infastidisce molto il bambino, che può essere agitato perché ha la sensazione di soffocare. 

Se piange, si ha un peggioramento della situazione con movimenti del torace molto accentuati. In caso di grossa difficoltà respiratoria le labbra o le mani del bambino possono diventare scure. La laringite di solito dura 2 o 3 giorni; tuttavia la tosse può protrarsi per 1 o 2 settimane.

Per quanto riguarda i bambini un po’ più grandicelli, sopratutto quando rientrano all’asilo dopo l’estate, molto spesso manifestano una serie di problematiche a carico del sistema respiratorio tra cui la laringite. La laringite inizia con una tosse stizzosa (può esserci un infiammazione della gola), raucedine, febbre e un abbassamento della voce.  

I sintomi possono durare anche 15 giorni e possono essere causati da un raffreddore, un’influenza o da un’infezione virale delle alte vie respiratorie. Spesso, la laringite dei bambini ha una risoluzione spontanea nell’arco di 15 giorni, ma per favorire il processo di guarigione è consigliabile: 

  1. Far bere molti liquidi al vostro bambino;
  2. Non fargli respirare fumo passivo;
  3. Tenere gli ambienti domestici adeguatamente umidi;
  4. Fare lavaggi nasali per liberare le narici;
  5. Fare l’aerosol per donare sollievo.

Per quanto riguarda i farmaci possono essere prescritti: paracetamolo per la febbre, antibiotici in caso di infezione batterica (unicamente sotto prescrizione del pediatra) e/o cortisone (sempre su indicazione del pediatra).

Leggi anche: dieta chetogenica: cos’è e come funziona

Loading...
loading...
Advertisement
Top