Menù

Ipertensione arteriosa: riconoscere i sintomi precocemente

Condivisioni
Leggi con attenzione

Mal di testa, ronzio alle orecchie, sudorazione, questi ed altri sintomi rappresentano un campanello d’allarme che ci avvisa di un aumento della pressione sanguigna oltre i valori normali.

La pressione sanguigna è un valore che ognuno di noi dovrebbe sempre tenere sotto controllo, poichè una sua alterazione può essere l’indizio di una patologia o di un disturbo di salute più o meno grave.

I valori giusti della pressione arteriosa

Per prima cosa bisogna conoscere i valori entro i quali bisognerebbe avere la pressione: si calcolano un valore minimo, detta pressione diastolica, e un valore massimo, detto pressione sistolica. La diastolica deve essere compresa tra 60 e 79 mmHg, la sistolica tra 90 e 119 mmHg. Quando questi valori sono troppo elevati si parla di “ipertensione”.

...

L’ipertensione

A tutti può capitare di soffrire di ipertensione, ma ci sono alcune categorie maggiormente a rischio. Nello specifico, si tratta delle donne in menopausa, di chi fuma e soffre di obesità, delle persone anziane e di chi conduce una vita sedentaria. A volte l’ipertensione è la conseguenza di un’altra malattia, ad esempio il diabete mellito, o patologie renali (nefrologie).

Bisogna precisare anche che non siamo tutti uguali: ci sono persone che per propria natura hanno dei valori di pressione sanguigna diversi da quelli indicati. Quindi valori più elevati non indicano alcun problema di salute, ma sono fisiologici. Per questo è bene controllarsi spesso, in modo da conoscersi sempre meglio e sapere quando è il caso di allarmarsi, e quando invece tutto è nella norma.

I sintomi dell’ipertensione

I sintomi più comuni dell’ipertensione arteriosa sono: mal di testa ricorrente e prolungato, vertigini, ronzio nelle orecchie, sangue dal naso e sudorazione elevata. A volte si può anche verificare un arrossamento del volto e l’accelerazione dei battiti cardiaci.

© kurhan / Shutterstock.com - 367257275

I vari tipi di ipertensione

Loading...

Bisogna poi distinguere tra due diversi tipi di ipertensione. L’ipertensione detta primaria, o essenziale, è di gran lunga la più comune, mentre la secondaria è più rara e riguarda solo persone che sono affette da disfunzioni specifiche dell’organismo. Soffre di ipertensione secondaria chi, ad esempio, è affetto da feocromocitoma, aldosteronismo primario, iper o ipotiroidismo, sindrome di Cushing, problemi renali.

Leggi anche  Tachicardia: cause e rimedi di un disturbo ormai diffuso

Anche le donne in gravidanza posso avere problemi di pressione arteriosa elevata; in particolar modo si distinguono quattro diverse condizioni.

  1. ipertensione cronica; è quella che si presenta già prima della gestazione e poi resta anche dopo il parto. Questo tipo di ipertensione può causare aumento di peso e problemi renali.
  2. ipertensione gestazionale; compare dopo 20 settimane di gestazione.
  3. pre eclampsia ed eclampsia; la pre eclampsia si caratterizza per la presenza di edema e proteinuria (presenza di valori elevati di proteine nel sangue), rappresenta un campanello d’allarme per l’eclampsia che può essere una condizione molto grave, tanto da indurre un parto prematuro 
  4. ipertensione transitoria; si verifica solo durante il periodo della gravidanza ed è strettamente legata a questa condizione.

Abbiamo detto che l’ipertensione è più diffusa tra gli anziani, ma possono esserci anche casi di ipertensione infantile. Un genitore si può accorgere se suo figlio ne soffre qualora abbia spesso mal di testa, debolezza o vertigini. Un bambino può soffrire soprattutto di ipertensione secondaria, quindi i sintomi devono indurre ad indagare più a fondo quale sia la patologia che l’ha provocata.

...

Come prevenire l’ipertensione

L’ipertensione non va mai sottovalutata, e il modo migliore per evitare questo disturbo consiste nel prevenirla. I comportamenti da assumere sono: seguire un’alimentazione sana per evitare di prendere peso; non fumare; evitare il consumo smodato di alcolici e sale; fare attività fisica moderata. Un grande alleato della pressione è il potassio: prendere degli integratori di potassio aiuta a mantenerla ai suoi livelli ideali.

Queste elencate sono alcune informazioni generali sull’ipertensione, i suoi rischi e i suoi sintomi. Se pensate di soffrirne, rivolgetevi subito al vostro medico di fiducia che saprà indicarvi il comportamento migliore da tenere.

Loading...
loading...
Advertisement
Top