Menù

Sanguinamento: cause e rimedi naturali

Shares
Read Carefully

Il sangue è un fluido che scorre nel nostro corpo e che ci dà vita e nutrimento. Il sangue viene messo in circolazione da una pompa, il cuore, e raggiunge tutte le parti più periferiche dell’organismo, facendo muovere gli organi interni. Il sangue è la linfa vitale che ci permette di esistere.

Questo è il motivo per cui una perdita di sangue improvvisa e ingiustificata deve essere curata in modo tempestivo: se si perde troppo sangue si rischia uno choc e nei casi più gravi si può arrivare persino alla morte.

Fonte: laboratoriosantaclara.com.mx

Esistono delle malattie che possono causare sanguinamento del corpo, ad esempio la leucemia o malattie del fegato e dei polmoni, e anche dei medicinali che fluidificano il sangue rendendo più facile subire lesioni e perdite. 

Ma ci sono poi dei casi più comuni e meno preoccupanti di sanguinamento, quando cioè ci causiamo delle ferite o ci esce il sangue dal naso. Come reagire in questi casi, quando è opportuno rivolgersi ad un medico? Ecco alcuni suggerimenti utili che puoi seguire se tu o qualcuno vicino a te si fa male o perde sangue dal naso. Regola numero uno: mai farsi prendere dal panico!

VALUTARE LA GRAVITA’ DELLA LESIONE

Fonte: www.woodgrouptraining.com

Quando c’è una ferita sul corpo, prima di fare qualunque azione è bene cercare di valutarne la gravità. Se ti sembra che ci possano essere anche lesioni interne non fare nulla e chiama subito i soccorsi sanitari.

Quando poi offri il tuo supporto, cerca di capire se la ferita potrebbe infettarsi perché c’è dello sporco interno; se è superficiale, o profonda; se è stata causata da un morso di animale; se non smette di sanguinare dopo qualche minuto anche se hai cercato di tamponarla.

Cerca di notare se la persona ferita offre sintomi da choc: se impallidisce, se la pressione sanguigna cala, se accusa nausea e si sente la testa leggera. In questo caso falla sdraiare mentre attendete i soccorsi e tieni sempre premuta la ferita.

ESERCITARE PRESSIONE 

Fonte: www.1mg.com

Il metodo più comune per tamponare una ferita e fermare un’emorragia consiste infatti nel premere forte la ferita. Questo serve a bloccare il flusso e ad evitare che il soggetto ferito perda troppo sangue. 

APPLICARE DEL GHIACCIO

Fonte: wikihow

Il secondo metodo più comune per fermare il sanguinamento consiste nell’usare del ghiaccio o qualcosa di molto freddo, se se ne ha la possibilità. Il freddo blocca la circolazione del sangue restringendo i vasi sanguigni e aiuta a bloccare il sanguinamento, se non è troppo importante e se non sono coinvolte le arterie.

COSA DA FARE PER FERMARE UN’EMORRAGIA

Fonte: www.stethnews.com

Il primo soccorso prevede soprattutto di far calmare la persona ferita e di farla sdraiare, anche se il sanguinamento è lieve, per evitare cali di pressione.

In seguito si deve pulire la ferita, usando una garza sterile; se c’è la possibilità sarebbe opportuno usare guanti di lattice.

Si deve premere la ferita usando una garza pulita fino a fermare l’emorragia, e poi la si deve bendare ben stretta. In seguito, se la ferita è di una certa entità, si aspettano i soccorsi o si corre in ospedale.

COSA DA NON FARE PER FERMARE UN’EMORRAGIA

Ecco invece cosa non devi fare se devi soccorrere una persona ferita. 

Non cercare di rimuovere oggetti che possano essere conficcati nella ferita.

Non pulire la ferita se è molto grande e profonda, potresti peggiorare la situazione.

Loading...

Dopo aver fasciato la ferita, non rimuovere le bende per vedere se ha smesso di sanguinare: non farai altro che far ripartire l’emorragia.

SANGUE DAL NASO: COME COMPORTARSI

Fonte: naturalon.com

A volte può capitare, tanto agli adulti che ai bambini, di perdere sangue dal naso. Questo può accadere per via di sbalzi di pressione arteriosa o per problemi alle arterie; altre volte è dovuto alla presenza di polipi nasali, riniti batteriche o virali o fragilità capillare.

Quest’ultima a sua volta può essere secondaria ad alcune patologie a carico del sistema circolatorio, del fegato, dei reni oppure riconducibile a carenze vitaminiche o a difficoltà di coagulazione, e non per ultimo all’assunzione di alcuni tipi di farmaci.

Per questo è importante, se l’epistassi (la perdita di sangue dal naso) si verifica frequentemente, segnalarlo al proprio medico di fiducia, che potrà indagarne l’origine.

Se altrimenti gli episodi sono sporadici e il sanguinamento è lieve si può facilmente affrontare in questo modo.

Se una persona vicina a te perde sangue dal naso, falla sedere con la testa leggermente in avanti, invitando il soggetto a sputare il sangue che refluisce all’interno della cavità oale. Questo impedirà al sangue di essere degludito e di non finire nello stomaco, cosa che potrebbe causare nausea e vomito. 

Per arrestare la fuoriuscita di sangue è altresì utile comprimere con le dita la narice interessata dal sanguinamento e se possibile applicarvi  del ghiaccio o dellacqua fredda. Questa procedura determinerà una vasocostrizione e limiterà il sanguinamento.

In assenza di traumi o fratture nasali, inserire un tamponcino di cotone o di garza all’interno della narice.

Quando il sanguinamento è un po’ rallentato, usa una pomata emostatica da tenere sempre a portata di mano, da applicare all’interno del naso, nella zona che divide le due narici. 

Se l’episatssi è copiosa e non si arresta, rivolgersi ad un pronto soccorso dove medici o personale qualificato procederà con un tamponamento, inserendo all’interno della narice una garza iodoformica o un cilindro di cotone imbevuto di acqua ossigenata

Per i giorni seguenti il soggetto non deve soffiarsi o strofinarsi il naso, altrimenti l’emorragia ricomincerà.

In tutti questi casi ciò che conta è non farsi impressionare e rimanere lucidi: i sanguinamenti dovuti a ferite, o dal naso, sono piccoli problemi che si possono affrontare senza ansie, e sono pochi i casi in cui c’è davvero da preoccuparsi.

Leggi anche  7 cose che forse non sapete sull'artrite
Loading...
loading...
Advertisement
Top